La nuova pagina del mio blog.

Buongiorno gentili lettori,

Aggiungo al mio blog una nuova pagina riguardante i termini tecnici di cucina. Potrebbero servirvi per meglio interpretare alcune terminologie specificate nelle ricette. Spero che apprezzerete la possibilità di consultarla all’occorrenza.

Terminologia tecnica di cucina

Seguimi su Facebook

Seguimi su Cookpad

Menù di San Silvestro 2018

Cari amici lettori,

Ci siamo quasi! Ancora pochi giorni e siamo arrivati a fine 2018. Cosa ci vuole di meglio per festeggiare il nuovo anno? Un buon menù ricco di pietanze con porzioni adeguate. Questa la mia proposta:

Auguro a tutti un buon fine anno e un felice anno nuovo!

Max

Collage 2018-12-26 19_07_10

Seguimi su Facebook

Seguimi su cookpad

 

 

Ostriche

Come si preparano le ostriche.

Cari amici,

Parliamo di ostriche! Questo eccellente mollusco, solitamente va servito crudo, molto freddo, nel suo guscio, aperto solo all’ultimo momento. Si serve su un piatto con il fondo coperto da uno strato spesso di ghiaccio pestato a neve e guarito con qualche ramoscello di prezzemolo fresco. A parte, si abbinano delle fettine di pane tostato, possibilmente di segale, spicchi di limone e come condimento a piacere, una ciotolina contenente un po’ d’aceto, scalogno tritato, sale e pepe.

Seguimi su Facebook

LOGO MAX_quadrato

 

Il cioccolato fondende

Come utilizzare il cioccolato fondente.

Il cioccolato fondente rappresenta una delle più generose fonti alimentari contenente antiossidanti nobili (Flavonoidi), presenti negli alimenti di origine vegetale. Due derivati del cioccolato fondente, ovvero cioccolato al latte e cioccolato bianco, possiedono quantità nettamente inferiore di antiossidanti. 100 gr. di fondente contengono circa 50 mg. di Flavonoidi, mentre nel cioccolato al latte possiamo trovarne al massimo 10 mg. per 100 gr. Dobbiamo evidenziare che, nonostante i fattori positivi di questo importante antiossidante, non si “cancellano” le calorie dei grassi, pertanto il consumo non deve essere eccessivo ma limitato.

L’utilizzo di questo alimento è molto diffuso in pasticceria e non solo. Molte volte capita di sciogliere il cioccolato a bagnomaria, per esempio per decorare vari tipi di dolci, come la torta Sacher, oppure per realizzare mousse al cioccolato ecc. ecc.

Ma cosa succede se accidentalmente capita che dell’acqua entri nel cioccolato fuso? Mi soffermo su questo “incidente” perchè a me è capitato più di una volta. Il cioccolato si solidifica in un modo eccessivo diventando duro e completamente solido: rischiamo di dover buttare tutto! Ma per fortuna a questo c’è rimedio, e si riesce recuperare il prezioso cioccolato. Possiamo incorporare dell’olio di semi vari o ancor meglio di girasole, a filo mescolando continuamente,  tenendo il cioccolato a bagno maria fino a quando ritornerà fluido. Un’altra soluzione è quella di unire della panna liquida per dolci. Il sapore rimarrà abbastanza invariato senza alternarsi e tutto tornerà come in origine, senza sprechi. 

Provate!

Seguimi su Facebook