Suggerimenti per Pasqua

#mangiareacasablog #menudipasqua #pasta #risotto #uova #verdure #pesce #carnerossa #desserts #asparagiverdi #capesante #spinaci #ricette #food #italianfood #cucinaitaliana

Carissimi lettori🤗🤗, siamo prossimi alla Pasqua📣📣, e per l’occasione ho preparato alcuni suggerimenti😋. Spero che le mie proposte siano di vostro gradimento!  Di seguito elenco le pietanze scelte per la ricorrenza:

Antipasti:

Uova alla russa

Capesante gratinate

Primi piatti:

Risottino delicato con asparagi verdi aromatizzato con semi di lino e girasole

Linguine alla baraonda di mare

Secondi piatti:

Sinfonia di mazzancolle con riduzione di salsa agrumi

Tagliata di scottona con scaglie di parmigiano e rucola

Contorno:

Spinaci al burro

Desserts:

La bavarese

Composizione di frutta fresca con salsa di mirtilli

Auguro a tutti Buona Pasqua!

Max

Seguimi su facebook

Seguimi su Cookpad

 

 

Come servire l’ananas agli ospiti

#mangiareacasablog #ananas #servireananas #tagliareananas #italianfood #desserts

  • Porzioni: 4
  • Difficoltà: facile
  • Stampa

L'Ananas è un frutto esotico ricco di vitamina C. Per capire quando il frutto ha raggiunto la maturazione ideale, il colore della buccia dev'essere arancione sfumato e il profumo leggero caratteristico. L'Ananas non va tenuto a temperatura inferiore agli 8°C ma va servito fresco, magari aromatizzato con Maraschino o Rum. Nelle preparazioni più sofisticate l'Ananas viene associato a carni come pollame e alle insalate, in pasticceria viene utilizzato per la preparazione di torte, sorbetti e farciture dolci. 100g di Ananas forniscono circa 40 calorie.

Ho preparato un video per aiutarvi.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 1 Ananas medio;
  • 4 cucchiai Maraschino o Rum.

Istruzioni

  1. Appoggiate l’Ananas su un tagliere in modo orizzontale, con un coltello a sega tagliate le 2 estremità. Raddrizzate il frutto in modo verticale e tagliatelo in 4 spicchi. Prendete una fetta, appoggiatela sul tagliere verticalmente e tagliate il torso da cima a fondo.  Raddrizzate la fetta in modo che la buccia appoggi sul tagliere.
  2. Con il coltello iniziate a seghettare tra la buccia e la polpa facendo penetrare solo la punta del coltello fino al centro della fetta e staccate da cima a fondo la polpa da un lato. Ripetete l’operazione anche dal lato opposto.
  3. Quando la polpa sarà completamente staccata tenetela sopra la buccia e tagliate a piacere, a spicchi più o meno larghi. Divideteli con le dita in modo alternato e versate sopra la superficie un cucchiaio di Maraschino o Rum.

Seguimi su Facebook

Seguimi su Cookpad

 

Come si toglie la pelle da un filetto di pesce

Buongiorno gentili lettori! Sono molto lieto di annunciarvi che da oggi inizia la mia collaborazione con Cookpad Italia, una piattaforma dove tutti possono accedere e pubblicare le proprie ricette. Inauguro questo evento con un video che spiega come togliere la pelle da un filetto di pesce.

Buona visione.

Seguimi su Facebook

Seguimi su Cookpad

Baccalà o stoccafisso?

Il baccalà o stoccafisso, qual’e la differenza? In ambedue i casi, parliamo di merluzzo, un pesce dalle carni bianche e delicate, ma cambia il processo di conservazione. Lo stoccafisso è merluzzo che subisce un processo di essiccazione e quindi deve essere ammollato in acqua fredda prima di poterlo preparare. Si trova in commercio già bagnato e pronto per la preparazione. Il baccalà viene, invece, sottoposto a una conservazione tramite sale. Le preparazioni delle pietanze vengono solitamente chiamate baccalà senza distinzione, sia che siano preparate con stoccafisso o con baccalà. Le carni del merluzzo, estremamente digeribili, contengono tutti gli aminoacidi essenziali. Le carni sono povere di grassi e quelli che contengono sono principalmente acidi grassi polinsaturi (omega-3). Ricco in sali minerali (fosforo, calcio, iodio, ferro) e vitamine, soprattutto quelle del gruppo B. Ora vi preparo questa deliziosa pietanza che può essere proposta come antipasto o come secondo piatto.

Come sfilettare il pesce

Buongiorno carissimi amici del mio blog! Oggi vi presento il mio video che spiega come si sfiletta il pesce. Un procedimento non semplicissimo da eseguire per chi non ha mai provato. Vi posso garantire che seguendo questo video e un pò di pratica tutti riuscirete a realizzare questa operazione. Spero che tutto ciò possa aiutarvi in cucina.

Per il video cliccate qui

Seguimi su Facebook

Seguimi su Cookpad

Pasta per krapfen

  • Porzioni: 16 mini krapfen
  • Difficoltà: media
  • Stampa

Ciao Amici! Ho realizzato la pasta per krapfen, cotta però al forno anziché friggerla alla maniera classica. Differenza: meno calorie sebbene non dietetica! Sicuramente parlo di una ricetta che amereste realizzare, perciò vi svelo i miei segreti per non farvi lavorare troppo.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 125 gr. farina bianca tipo 00;
  • 125 gr. farina manitoba;
  • 60 gr. burro ammorbidito;
  • 1 uovo intero;
  • 15 gr. sale fino;
  • 10 gr. zucchero semolato;
  • 1/4 di bicchiere di latte;
  • 20 gr. lievito di birra.

Istruzioni

  1. In una terrina trasferite 1/4 della farina miscelata, unite il lievito di birra sciolto in un pò d’acqua tiepida e impastate fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea;
  2. Formate una palla, incidete sulla superficie una croce con uno spelucchino per facilitare la lievitazione, coprite con un canovaccio umido, trasferite in forno a 30°C e fate lievitare il composto fino a che avrà raggiunto il doppio del suo volume iniziale;
  3. In una terrina trasferite la farina rimanente, unite l’uovo, il sale e lo zucchero e il latte;
  4. Lavorate il composto finché sarà omogeneo, unite il burro ammorbidito, amalgamate bene il tutto, aggiungete il precedente preparato lievitato e lavorate fino a che sarà ben amalgamato;
  5. Trasferite il composto in una terrina leggermente infarinata, coprite con un canovaccio e fate lievitare in forno a 30°C per circa 90 minuti;
  6. Togliete il composto dal forno, trasferitelo su una spianatoia leggermente infarinata e lavoratelo poco;
  7. Ritagliate dei pezzi di circa 40g cad., ripiegate su se stessi i pezzi di pasta ottenendo delle piccole palline che posizioneremo su una placca da forno rivestita di carta oleata;
  8. Fate riposare in forno a 30°C per circa 50 minuti;
  9. Togliete dal forno la placca, scaldate il forno a 200°C in modalità ventilata e infornate per circa 14 minuti;
  10. Togliete la placca dal forno e fate raffreddare;
  11. Possiamo congelarli e usarli all’occorrenza, togliendoli dal freezer e passarli al frigorifero prima dell’utilizzo per un corretto scongelamento;
  12. Per krapfen dolci utilizzare 25g zucchero semolato e 5g sale fino.

Seguimi su Facebook

Seguimi su Cookpad