Gnocchetti di cime di rapa spadellati con burro e salvia

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Gnocchetti diversi dal solito? Ecco la soluzione! Questi deliziosi gnocchetti sono realizzati con cime di rapa e ricotta vaccina, due ingredienti semplici e tanta bontà.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 200g cime di rapa;
  • 150g ricotta vaccina;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 1 cucchiaino di noce moscata;
  • 2 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio;
  • 5 cucchiai di farina bianca tipo 00;
  • Brodo vegetale o acqua q.b.

Istruzioni

  1. Lavate, scolate e tagliate grossolanamente le cime di rapa;
  2. In una casseruola scaldate l’olio aromatizzato all’aglio, unite le cime di rapa, salate, pepate e fatele ammorbidire unendo il brodo vegetale poco alla volta;
  3. Passate al mixer l’ortaggio, trasferitelo in una ciotola e fatelo raffreddare;
  4. Unite la ricotta, amalgamate bene, unite sale, pepe e mescolate il tutto aggiungendo infine la noce moscata;
  5. Riempite un sache-a-poche, con bocchetta liscia, con il composto preparato. Portate ad ebollizione dell’acqua in una casseruola, unite il sale grosso, fate uscire il composto dal sache-a-poche e tagliate gli gnocchetti direttamente nell’acqua bollente con l’aiuto di un coltello a lama fine bagnandolo frequentemente nell’acqua;
  6. Quando gli gnocchi affioreranno, toglieteli con l’aiuto di una schiumarola ed immergeteli in acqua fredda se non dovete consumarli subito, altrimenti trasferiteli nel condimento di burro e salvia preparato precedentemente;
  7. Scolateli, trasferiteli in un contenitore, unite un filo d’olio evo, mescolateli delicatamente e conservateli in frigo fino al momento del loro uso.

Seguimi su Facebook

 

 

 

 

Gnocchetti di cavolfiore al burro e salvia

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Gnocchi, gnocchi e ancora gnocchi! Quante versioni di gnocchi si possono creare con le verdure usando un po' la fantasia e gli ingredienti giusti? Beh, vi dirò che io ne creo moltissime e ne ho ancora altrettante da proporre per il futuro usando verdure di stagione. Prepariamo insieme la versione gnocchi di cavolfiori.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 50g patate cotte al vapore;
  • 250g cavolfiore cotto al vapore;
  • 100g farina bianca;
  • Farina bianca q.b. per la lavorazione;
  • Sale, pepe e noce moscata q.b.;
  • 8 noci tritate grossolanamente;
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato.

Istruzioni

  1. Passate al passaverdure le patate e il cavolfiore su un piano da lavoro, unite sale, pepe, noce moscata, farina e lavorate tra loro gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo;
  2. Formate dei cordoncini dal diametro di circa 1 cm., con l’aiuto di una spatola o un coltello tagliate gli gnocchetti della pezzatura che desiderate, infarinateli leggermente e trasferiteli in un piatto;
  3. In un soutè fate fondere il burro con una foglia di salvia, unite le noci, precedentemente tostate in un tegame senza condimento per qualche minuto, tenendone da parte un pizzico per guarnire;
  4. In una pentola portate a bollire dell’acqua, unite sale grosso e tuffate gli gnocchi, quando affioreranno toglieteli dall’acqua con l’aiuto di una schiumarola e trasferiteli nel soutè con burro, salvia e noci;
  5. Accendete la fiamma, spadellateli per alcuni secondi e serviteli cospargendo la superficie con la rimanente granella di noci.

PicsArt_10-13-02.16.08

Seguimi su Facebook

Gnocchetti di trota salmonata saltati all’era cipollina

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: media
  • Stampa

Buongiorno gentili lettori! Non finirò mai d'inventarmi gnocchi diversi dal solito realizzati con diversi alimenti. Oggi ho scelto la trota salmonata fresca. Per questa ricetta possiamo usare anche la trota affumicata o altri tipi di pesce d'acqua dolce o salata. Questa preparazione risulterà molto delicata al palato e molto digeribile. Una ricetta semplice, abbordabile a tutti che può essere realizzata in poco tempo e preparata in anticipo, cuocendo gli gnocchi prima dell'arrivo dei vostri ospiti e raffeddandoli subito in acqua fredda per poi farli scaldare nuovamente in acqua calda per servirli in un unica soluzione.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 250g trota salmonata sfilettata privata della pelle;
  • 250g ricotta vaccina;
  • 1 uovo;
  • 1 cucchiaio di cognac;
  • 80g farina;
  • 1 cucchiaio di basilico tritato fresco;
  • 3 cucchiaio di olio evo aromatizzato all’aglio;
  • Sale e pepe macinato al momento q.b.;
  • 1 cucchiaio di erba cipollina.

Istruzioni

  1. Tagliate la trota a quadretti e fatela rosolare con l’olio all’aglio per alcuni minuti, unite il sale e il pepe, quando il liquido sarà evaporato bagnate con il cognac e fate evaporare;
  2. Togliete dalla fiamma e trasferite il pesce in un piatto, schiacciatelo bene con un forchetta e fatelo intiepidire;
  3. In un contenitore lavorate la ricotta con la trota, unite l’ uovo, la farina, infine il basilico e amalgamate bene. Regolate di sale e pepe;
  4. Fate scaldare 2 cucchiai di olio all’aglio in un soutè con l’erba cipollina senza farlo friggere;
  5. Fate bollire l’acqua in una casseruola, unite il sale grosso, prendete un sache-a-poche con bocchetta liscia e inserite il composto di pesce ottenuto;
  6. Fate uscire dal sacchetto il composto e tagliate gli gnocchetti direttamente nell’acqua bollente con l’aiuto di un coltello a lama fine bagnando la stessa lama nell’acqua prima di eseguire i tagli;
  7. Se l’operazione vi diventa complicata usate un cucchiaino da caffè per raccogliere il composto e tuffarlo nell’acqua bollente;
  8. Quanto gli gnocchi affioreranno, toglietevi con l’aiuto di una schiumarola e trasferiteli nella casseruola con l’olio ed erba cipollina. Spadellate a fiamma media e servite subito.

Seguimi su Facebook

 

Gnocchetti di gamberetti, peperoni e ricotta, spadellati al rosmarino

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: medio bassa
  • Stampa

Iniziamo col dire che questa ricetta è stata un esperimento ben riuscito, che vede come protagonisti 3 ingredienti: gamberetti, peperoni e ricotta. Una preparazione semplice nella sua composizione, che si può preparare per tempo e che dona delicatezza e buon gusto al palato. Il segreto? Le dosi degli ingredienti sono importanti perché il peperone non deve coprire il sapore dei gamberetti.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 130g gamberetti freschi sgusciati o in salamoia;
  • 200g di ricotta vaccina biologica;
  • 150g peperoni rossi (80g prodotto cotto);
  • 80g farina bianca q.b.;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 3 cucchiai di olio all’aglio;
  • 2 rametti di rosmarino fresco;
  • 2 cucchiai di olio evo;
  • 1 cucchiaio di brandy.

Istruzioni

  1. Tagliate il peperone a metà in verticale mantenendo la parte del manico sulla base del tagliere, eliminare i semi e l’attaccatura del manico, lavatelo e tagliatelo a julienne. In un tegame scaldate 2 cucchiai di olio evo aromatizzato all’aglio, unite il peperone, salate, pepate e fate cuocere a fiamma media rimestando di tanto in tanto fino a che sarà ammorbidito;
  2. In un altro tegame scaldate il rimanente olio all’aglio, unite i gamberetti, il sale, il pepe e rosolate bene fino a che il liquido di cottura sarà asciugato. Bagnate con il brandy, fate sfumare e spegnete la fiamma;
  3. Tritate a mano i peperoni cotti e riponeteli in una terrina, unite i gamberetti tritati, ricotta, sale, pepe e lavorate col cucchiaio fino a che gli ingredienti saranno amalgamati. Infine incorporate la farina fino ad ottenere un composto omogeneo. Regolate di sale e pepe;
  4. Fate bollire dell’acqua in una casseruola, unite il sale grosso, riempite un sache-a-poche con il composto ottenuto con l’aiuto di un cucchiaio, fatelo uscire dalla bocchetta cilindrica liscia direttamente nell’acqua bollente tagliando il composto a tocchetti con un coltello a lama fine;
  5. Toglieteli dall’acqua utilizzando una schiumarola e trasferirli in un tegame con olio evo precedentemente scaldato con i rametti di rosmarino;
  6. Spadellateli a fiamma media e serviteli caldi.

Seguimi su Facebook

Proposta di un menù per matrimoni

I futuri sposi, di solito, si affidano ai ristoranti per cercare delle soluzioni di menù per il loro giorno più importante. Le proposte spaziano dalla carne al pesce e capita spesso che ci siano troppe portate o, che se ne vogliano aggiungere ulteriori, per la paura di fare brutta figura con gli invitati. Dobbiamo dire che per questo giorno non si può andare al risparmio ne’ di soldi che di cibo. Tuttavia, la scelta dev’essere sempre intelligente e mai eccessiva. Avendo lavorato per anni in ristorante, mi è capitato spesso di dover realizzare banchetti per matrimoni. Ho assistito di frequente a scelte esagerate da parte degli sposi che, nonostante il consiglio di ridurre le portate per evitare sprechi eccessivi, per timore di brutte figure,  preferivano abbondare, aumentando inutilmente la spesa complessiva e il cibo avanzato.  Troppe persone esagerano e, dopo un abbondante rinfresco, secondo me inutile, richiedono menù contenenti fino cinque portate per tipo, dagli antipasti ai secondi piatti. In tutti questi casi, normalmente, più della metà delle portate tornano in cucina perfettamente intatte. Non possiamo ignorare questo enorme ed inutile spreco di cibo, anche se, in parte, i ristoranti tendono a riciclare e recuperare quanto possibile. Il resto invece, come ad esempio il cibo impiattato, finisce nella spazzatura. Considerando tutto ciò, grazie  all’esperienza maturata,  sono quì a proporvi alcuni suggerimenti che possono essere variati a seconda dei gusti personali. Inizio col dire di ridurre quasi a zero tutti gli stuzzichini che accostano l’aperitivo perché saziano lo stomaco degli ospiti in attesa dell’arrivo degli sposi. I nostri ospiti dovranno invece apprezzare e consumare le vere pietanze previste nel menù e non abbuffarsi di tartine, salatini ecc. Il menù dovrebbe contenere non più di otto portate suddivise tra un entrèe, un antipasto, un bis di primi piatti, un bis di secondi piatti, della frutta e il dolce nuziale. Quest’ultimo, di solito, s’intende una torta composta o al cucchiaio.  Può essere scenografico anche creato direttamente nel piatto di servizio se con pochi invitati. Nel caso di molti invitati, il dolce nuziale può essere realizzato in modo scenografico a piramide o a cascata. Insomma ci sono mille soluzioni per mangiare bene senza sprecare. Per consigli e idee in merito allo stile grafico e gli allestimenti per un matrimonio personalizzato e originale potete visitare il sito specializzato di Elisa Bee in love  e la sua pagina Facebook

PicsArt_08-16-02.01.27

Di seguito una traccia di suggerimenti realizzata con alcune ricette presenti nel mio blog:

Entrèe: Boccioli di salmone affumicato con mascarpone aromatizzato con erba cipollina;

Antipasto: Insalatina facile con gamberetti, rucola, patate e pompelmo rosa;

Primi piatti: Riso pilaf spadellato con salsa di salmone affumicato e gamberetti;

Gnocchetti di carota e robiola di capra al profumo di erba cipollina;

Sorbetto al limone;

Secondi piatti: Filetto di branzino in crosta di patate alle erbette aromatiche;

Tagliata di scottona con scaglie di parmigiano e rucola;

Frutta: Ananas;

Dessert: La torta millefoglie.

Seguimi su Facebook

 

 

 

Suggerimenti per Ferragosto

Gnocchetti di carota e robiola di capra al profumo di erba cipollina

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Una preparazione che esce dagli schemi. Vi parlo di questi gnocchetti, molto particolari, realizzati con carote, robiola di capra, senza uova e conditi con burro aromatizzato all'erba cipollina, ricetta a basso apporto calorico.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 200g carote;
  • 150g robiola di capra;
  • 100g farina (50g per il composto e 50g per lavorazione);
  • 30g parmigiano grattugiato;
  • Sale, noce moscata q.b.;
  • 4 noci di burro;
  • 1/2 cucchiaio di erba cipollina tritata.

Istruzioni

  1. Pelare e tagliate a rondelle le carote, cuocetele a vapore e passatele al passaverdure;
  2. In una ciotola di vetro, amalgamate la purea di carote con la robiola di capra, aggiungete sale, noce moscata, parmigiano grattugiato e 50g di farina;
  3. Su un piano di marmo, lavorate il composto con il resto della farina, formando dei cordoni dal diametro di 1 cm, tagliate gli gnocchetti con l’aiuto di una spatola e immergeteli in acqua bollente salata fino a che saliranno in superficie;
  4. Toglieteli dall’acqua con una schiumarola e trasferiteli in un tegame con il burro precedentemente fuso a bagnomaria, spadellate a fiamma media e servite spolverando con erba cipollina.

Seguimi su Facebook