Insalatina facile con gamberetti, rucola, patate e pompelmo rosa

Gamberetti come possiamo cucinarli.

Un antipasto come al ristorante, che si presta per la stagione calda. Una ricetta facilissima alla portata di tutti, pronta in pochi minuti, può essere servita a temperatura ambiente, lasciando a bocca aperta i vostri ospiti e voi stessi.

Ingredienti per 2 persone:

  • 300 gr. gamberetti in salamoia;
  • 1 pompelmo rosa, medie dimensioni;
  • 2 patate medio piccole;
  • Il succo di un limone;
  • 2 cucchiai olio evo;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 2 cucchiai di rucola fresca ritagliata a julienne.

Procedimento:

Scolate e strizzare i gamberetti, riponeteli in una terrina di vetro, unite la rucola, la polpa del pompelmo precedentemente pelato a vivo e tagliata a cubetti, la patata precedentemente cotta al vapore, pelata e tagliata a cubetti. Mettete il succo di un limone in una bottiglitta di vetro piccola con olio evo, scuotetela più volte fino a che il composto sarà montato e cremoso, utilizzando il pollice come tappo per non far fuoriuscire il succo. Versate la citronette nel composto di gamberetti, salate, pepate e mescolate utilizzando un cucchiaio. Mettete sul piatto la buccia del pompelmo pelato a vivo come guarnizione e adagiatevi sopra l’insalata di gambretti, servite a temperatura ambiente.

Seguimi su Facebook

Composizione di capesante gratinare

Cari amici lettori,

Le capesante sono molluschi molto pregiati, con i quali si possono preparare svariate ricette. Una di queste sono le famosissime capesante gratinate, un piatto sublime e molto gustoso, ma qual’è il segreto per preparare questo piatto semplicissimo? Molto facile: la quantitá del pangrattato non deve essere troppo abbondante altrimenti coprirebbe il loro delicatissimo sapore. Il pane gioca infatti un ruolo chiave e il suo utilizzo deve essere minimo per permettere la gratinatura. Vediamo insieme la ricetta.

Ingredienti per 2 persone:

  • 8 capesante pulite con il mollusco attaccato al guscio (questo fattore determina la loro freschezza);
  • 2 cucchiai da tavola di pangrattato fine;
  • Una spruzzata di vino bianco;
  • Olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio q.b.;
  • Un pizzico di sale fino per capasanta q.b.;
  • 1 cucchiaino da caffè di prezzemolo tritato.

Procedimento:

Disporre le capesante stese su una placca da forno rivestita con carta oleata. In una ciotola unite 2 cucchiai di pangrattato, un pizzico di sale fino e un cucchiaino da caffè di prezzemolo tritato. Mescolate bene gli ingedienti. Cospargete il composto di pane sulla superficie delle capesante fino ad esaurimento. Sopra al pangrattato, passate un filo di olio aromatizzato all’aglio e una spruzzatina di vino bianco in modo che tutto il pane risulti bagnato. Infornate a 200° con forno pre-riscaldato in modalità ventilazione/ grill, lasciate gratinare le capesante, togliete dal forno quando la superficie sarà dorata e servite immediatamente.

Seguimi su Facebook

Involtino pasquale di verza con gamberoni e funghi champignon in scrigno di pasta brisè

Ciao amici,

Vi voglio suggerire questa ricetta per il pranzo di Pasqua da proporre come antipasto. Sì, proprio così! Un involtino realizzato con il recupero delle foglie esterne della verza, che risultano più dure e serviranno ad avvolgere la coda del gamberone con i funghi champignon. Il tutto avvolto in una leggera crosta sottile di pasta brisè, che renderà croccante la parte esterna formando un fantasioso “scrigno” contenete al suo interno una “sorpresa”. Potete così divertirvi a servire una pietanza diversa ai vostri ospiti contenente una sorpresa molto appetitosa.

Per la pasta brisè potete acquistare un rotolo già pronto o seguite la ricetta cliccando qui.

Ingredienti per 6 involtini:

  • 6 gamberoni;
  • 6 foglie di verza;
  • 1 rotolo di pasta brisè;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva aromatizzato all’aglio ;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco;
  • 12 funghi champignon medi privati della parte finale del gambo, lavati e tagliati a julienne;
  • Farina bianca q.b.;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.
  • 2 mestolini di brodo di gamberoni ricavato dalle teste bollite in acqua per circa 15 minuti.

Procedimento:

Togliere le teste dei gamberoni e la corazza partendo dalle gambe, mettere le teste in un pentolino riependolo d’acqua, dopo averle lavate al loro interno. Farle bollire per circa 15 minuti. Togliere le teste e filtrare il brodo con l’aiuto di un colino a maglia fine, rivestito con un canovaccio. Mettere da parte il brodo facendolo raffreddare. In un tegame, scaldare due cucchiai di olio aromatizzato all’aglio, unire le code dei gamberoni precedententemente infarinati e privati dalla farina in eccesso,  salare, pepare e far rosolare da ambo i lati.  Sfumare con metà quantità del vino bianco, far evaporare e depositare in un piatto. Cuocere a vapore le foglie di verza intere fino a che la parte bianca più grossa del gambo si può infilzare facilmente con una forchetta e far raffreddare. Nel tegame con il fondo di cottura dei gamberoni, scaldare 2 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio, unire i funghi, salare, pepare e far asciugare il liquido, bagnare con il vino, far sfumare e unire 2 mestolini di brodo dei gamberoni. Far asciugare il liquido e lasciare intiepidire dopo aver spento la fiamma. Prendere le 6 foglie di verza e stenderle su un tavolo, appoggiare al centro un gamberone e un cucchiaio di funghi trifolati, arrotolare la foglia di verza su se stessa, racchiudendo al suo interno il gamberone con i funghi, piegando le estremità verso il centro, sotto il fagottino.

20180310_122327

20180310_122348

Ho tagliato sei strisce di pasta brisè dalla larghezza di circa 5 cm cad., ho avvolto nella pasta l’involtino di verza.

20180310_122953.jpg

20180310_123021

Appoggiare i fagottini su una teglia da forno rivestita di carta oleata e pennellare la superficie con un uovo sbattuto. Scaldare il forno a 200° con funzione ventilazione e infornare per circa 20 minuti.

20180310_123732

20180310_130416

Con il rimanente brodo dei gamberoni è possibile realizzare una vellutata, seguendo la ricetta della besciamella , sostituendo il latte con il brodo di gamberoni. Possiamo servire gli involtini anche con una salsa zafferano o al nero di seppia, seguendo la ricetta qui.

Boccioli di salmone affumicato con mascarpone aromatizzato con erba cipollina

Ingredienti per 4 persone:

  • 160 gr. di salmone affumicato tagliato a fette larghe 2 cm;
  • 120 gr. circa di mascarpone;
  • 2 cucchiaini da caffè di erba cipollina fresca o secca;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 2 gocce di tabasco, se non lo avete fate senza.

Procedimento:

Lavorate con un cucchiaino il mascarpone con l’erba cipollina, il sale, il pepe e il tabasco. Stendere le fettine di salmone, appoggiatevi su un lato un cucchiaino di composto di formaggio, avvolgene su se stessa la fettina di salmone e serviteli su un piatto guarito a piacere.

Varante: potete servite con un filo di aceto balsamico sparso in modo casuale sopra i boccioli.

Tortino ai frutti di mare con crema di patate

In questo periodo i tortini di pesce mi entusiasmano molto, ho pensato così di realizzarne qualcuno da servire come antipasto. Una ricetta molto appetitosa che può essere consumata prima di iniziare un buon menù a base di pesce. Servito tiepido è  l’ideale perché la crema di patate si rapprende dando la perfetta consistenza a questa ricetta.

Ingredienti per 4 tortini di diametro 12 cm:

  • Pasta brisé q.b.;
  • 4 cucchiai misti di misto mare tra cui seppie, piovra lessati e tagliati a fettine, gamberetti in salamoia, cozze e vongole veraci cotte al vapore e sgusciate;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio ;
  • 1 patata cotta al vapore sbucciata e passata al passaverdure;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • Sale, pepe macinato al momento.

Procedimento:

Lessate in acqua seppie e piovra, al dente e, raffreddatele, togliendo la bocca (becco) posta al centro dei tentacoli. Tagliate il pesce a fettine e riponetelo in un piatto, unite i gambretti in salamoia, scolati e strizzati. In una casseruola mettete le cozze con un cucchiaio d’olio di oliva aromatizzato all’aglio  e mezzo bicchiere di vino bianco. Cuocete a fiamma viva fino a che i gusci si saranno aperti rimestando con una schiumarola almeno 2 volte. Togliere le cozze e riponetele in una bacinella di vetro e fatele raffreddare, sgusciate e unitele all’altro pesce. Recuperate il liquido di cottura delle cozze e vongole e conservatelo in un contenitore. Cuocete a vapore le patate, una volta cotte, privatele della pelle e passatele al passaverdure. Scaldate in una casseruola 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio, unite i frutti di mate, salate e pepate, rosolateli per qualche minuto, bagnate con il rimanente vino bianco e fate evaporare. Togliete i frutti di mare dal tegame e dividerli in parti uguali in 4 stampini rivestiti precedentemente di pasta brisè, lasciando fuoriuscire dagli stampini i lembi della pasta. Unite al fondo di cottura dei frutti di mare un cucchiaio di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio, scaldatelo e unite la purea della patata, salate e pepate, unite un mestolino di liquido di cottura delle cozze e vongole e cuocete per qualche minuto fino a che il liquido di cottura delle cozze non sarà  completamente incorporato e assorbito dalla purea di patate otteneno così una crema. Unite un cucchiaio di crema di patate per stampino coprendo i frutti di mare, portate al centro degli stampini i lembi di pasta brisè e infornate a 200° fino a che la pasta non sarà colorita – circa 20 minuti. Togliete dal forno i tortini e poi dagli stampini, fate intiepidire e servite caldi.

Seguimi su Facebook

20180224_205611

Piovra gratinata su crema di patate

Cari amici,

Vi voglio servire in tavola un piatto molto appetitoso: la piovra gratinata con crema di patate. Il segreto di questa ricetta è molto semplice, dare il sapore del pesce alla crema di patate abbinata alla piovra lessata, aromatizzata con olio all’aglio. Si tratta di un piatto gratinato in forno che crea una leggera crosta croccante grazie all’utilizzo di pane grattugiato. Può essere servito sia come antipasto che come secondo piatto.

Ingredienti per 2 persone:

  • 1 piovra di medie dimensioni;
  • 2 mestoli di acqua di cottura di cozze e vongole o solo cozze;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio ;
  • 1/3 di bicchiere di vino bianco;
  • Un pizzico di prezzemolo tritato;
  • 2 patate medio gradi o 3 medie passate al passaverdure.

Procedimento:

Lessate la piovra in abbondante acqua bollente fino a che non sarà cotta la dente, scolatela dopo averla intiepidita nel suo liquido di cottura avendo precedentemente tolto la bocca posizionata sotto la testa al centro dei tentacoli. Cuocete a vapore le patate, togliete la pelle e passate e al passaverdure. In un tegame, scaldate un cucchiaio di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio, unite i tentacoli separati 2 a 2 e scottateli da ambo i lati, salate, pepate e spruzzate con vino bianco, fate evaporare e riponeteli in una fondina. Nello stesso fondo di cottura, unite il rimanente olio aromatizzato all’aglio, scaldatelo e unite la purea di patate, rimestate col cucchiaio per insaporire, unite sale, pepe e il liquido di cottura delle cozze. Cuocete a fuoco medio per qualche minuto fino a che la purea diventerà una crema semi soda. Versate in una pirofila, posizionatevi sopra i tentacoli, spolverate con pane grattugiato, cospargete sulla superficie un filo di olio extravergine d’oliva e una spolverata di prezzemolo tritato. Gradinate in forno pre riscaldato a 200° per circa 15 minuti, fino a che la superficie dei tentacoli risulterà leggermente dorata. Servite subito.