Tagliata di filetto di chianina

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

La chianina è una razza bovina allevata esclusivamente per la produzione di carne. Prende il suo nome dalla Val di Chiana. È un bovino di taglia molto grande che non si adatta agli allevamenti intensivi. Questa razza fornisce una carne molto magra, molto famosa è la bistecca alla fiorentina. I tempi di frollatura non devono essere inferiori ai 15 giorni. Questa preparazione è fantastica e, perché lo sia, il tempo di cottura gioca un ruolo fondamentale, oltre al fatto che prediligo carne proveniente esclusivamente da animale nato, allevato e macellato in Italia. Il condimento previsto è solo SALE GROSSO una volta impiattato, olio evo e pepe macinato al momento a piacere.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 2 filetti di chianina da 150g cad;
  • Sale grosso q.b.;
  • Olio evo q.b.

Istruzioni

  1. Scaldate una piastra in ghisa a fiamma medio bassa, quando sarà ben calda appoggiatevi i due filetti e cuoceteli per 5 minuti per lato;
  2. Toglieteli dalla piastra e trasferiteli su un tagliere, tagliateli a scaloppe eseguendo un taglio in diagonale, impiattate le fette di carne, condite con sale grosso, olio evo e pepe macinato al momento.

Seguimi su Facebook

Scaloppine al vino bianco

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Una ricetta semplicissima in grado di soddisfare pienamente le aspettative del nostro palato.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 300g girello di vitello tagliato in 6 fette;
  • 1 bicchiere scarso di vino bianco secco;
  • Farina bianca q.b.;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Un pizzico di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di olio evo.

Istruzioni

  1. Passate nella farina bianca le fette di vitello e scuotetele dalla farina in eccesso;
  2. In un soutè scaldate l’olio evo, unite le fette di vitello, salate, pepate e rosolate da ambo i lati;
  3. Gettate il fondo di cottura e bagnate con vino bianco;
  4. Insaporite le scaloppine fino a che il vino sarà evaporato della metà, trasferite le scaloppine in un piatto, fate addensare leggermente il liquido di cottura e versatelo sopra la carne;
  5. Guarnite a piacere con qualche pomodorino tagliato a spicchi e prezzemolo tritato.

Seguimi su Facebook

Zucchine gratinate

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

La ricetta è molto sfiziosa, realizzata con un ripieno ottenuto dalla polpa di zucchina🥒 e patata🥔. A piacere è possibile unire qualche cubetto di pancetta croccante, il tutto gratinato in forno con del parmigiano in superficie. Ottime servite calde o a temperatura ambiente.😋

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 4 zucchine lunghe circa 10 cm;
  • 1 patata piccola;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 cucchiaio di olio evo aromatizzato all’aglio;
  • Parmigiano grattugiato q.b.

Istruzioni

  1. Lavate le zucchine, eliminate le estremità e tagliatele a metà in verticale;
  2. Con uno scavino togliete la polpa al loro interno e tritatela finemente;
  3. Cuocete a vapore la patata, pelatela e schiacciatela con una forchetta fino a ridurla in purea;
  4. Cuocete al dente le zucchine a vapore, trasferitele in un piatto e lasciatele intiepidire;
  5. Scaldate l’olio in un tegamino, unite le zucchine tritate e fatele insaporire, cuocete per circa 5 minuti unendo un po’ d’acqua se necessario, salate, pepate e aggiungete la patata schiacciata, amalgamate e spegnete la fiamma;
  6. Riempite le zucchine con il composto, spolverate di parmigiano e unite un goccio d’olio evo sulla superficie.
  7. Gratinate in forno a 200°C fino a che saranno colorite; servite calde o tiepide.
  8. N.B.: A piacere possiamo aggiungere al composto di patata e zucchina 1/2 cucchiaio di pancetta a cubetti precedentemente rosolata in tegame e scolata dal grasso.

Seguimi su Facebook

Composizione di frittata al forno con bruscandoli

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: facile
  • Stampa

I bruscandoli sono alimenti di origine vegetale appartenenti al gruppo di germogli di erbe selvatiche commestibili. Questo tipo di vegetale cresce allo stato brado e la parte che ci interessa per realizzare risotti o frittate è la punta. I bruscandoli sono ipocalorici, ricchi di fibre e acqua. È altresì notevole il contenuto di sostanze fitochimiche dal potere antiossidante. Questo vegetale selvatico è reperibile solo nel periodo primaverile. Possono essere consumati dopo essere stati lessati, cotti al vapore e conditi con olio evo, sale e pepe o cucinati in tegame con poco olio, sale e pepe fino a che si saranno ammorbiditi per poi realizzare risotti e frittate. Il loro sapore amarognolo è la particolarità che li contraddistingue. Questa ricetta li vede protagonisti assieme alle uova in una frittata molto sfiziosa.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 4 uova intere;
  • 350g bruscandoli freschi;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 cucchiaio di latte;
  • 2 cucchiai di olio all’aglio;
  • Una manciata di parmigiano.

Istruzioni

  1. Mettete in ammollo i bruscandoli con un cucchiaio di bicarbonato per 15 minuti, lavateli più volte con acqua corrente fredda e asciugateli con un canovaccio;
  2. Tagliuzzateli a pezzetti con l’aiuto di un coltello e riponeteli in un contenititore. In una casseruola scaldate l’olio all’aglio, unite i vegetali, sale, pepe e rosolateli a fuoco medio basso fino a che saranno morbidi. Se necessario, unite dell’acqua poco alla volta durante la cottura;
  3. Sbattete le uova in una ciotola con sale, pepe, latte e parmigiano;
  4. Trasferite i bruscandoli in un soutè, scaldateli bene e versate il composto d’uovo in modo omogeneo;
  5. Fate rapprendere il composto d’uovo e servitelo molto caldo.

Seguimi su Facebook

 

Sformatini di frittata con fondi di carciofo

  • Porzioni: 6 sformatini
  • Difficoltà: facile
  • Stampa

Questi piccoli sformati di frittata sono cotti in forno senza frittura, e di conseguenza risultano più leggeri e digeribili e racchiudono tutto l'aroma dei carciofi.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 4 uova intere;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Un cucchiaio di parmigiano grattugiato;
  • 1/2 tazzina da caffè di latte;
  • 200 gr. fondi di carciofo in tegame tagliati a pezzettini.

Istruzioni

  1. In una ciotola sbattete le uova con il sale, pepe, parmigiano e latte;
  2. Unite al composto i fondi di carciofo e amalgamate bene il tutto;
  3. Ungete con burro o olio evo 6 stampini di diametro 5/6 cm;
  4. Con l’aiuto di un mestolino riempite gli stampini a 3/4 di composto;
  5. Infornate a 200°C per circa 10/15 minuti.

Seguimi su Facebook

Riso venere con gamberi in salsa

Ciao amici, questa ricetta del riso venere con gamberi in salsa è offerta dalla nostra amica Anna Panzetta. “Il ‘riso Venere’ è una varietà italiana di riso, molto digeribile e ricco di ferro e selenio. Io l’ho scoperto da poco e, siccome mi è piaciuto tanto, ho pensato di proporvi una ricetta che, a mio avviso, è davvero eccezionale: ‘Riso Venere con gamberi in salsa’. E’ una preparazione molto prelibata e scenografica, nonchè buona. Trattasi di un primo piatto molto leggero, che possiamo servire anche per cena data la sua digeribilità, magari abbinandola Medaglioni di scorfano e finocchio gratinati al forno offerti dal nostro amico Massimo Gusella. Allacciamo i grembiuli e iniziamo a cucinare.”

20190302_215354

 

Filetto di vitello rosato su letto di purè di patate

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: media
  • Stampa

Questa ricetta è molto semplice da realizzare: la carne saporita risalta molto e si abbina in modo particolare al purè di patate.

Aggiungi qui eventuali note.

Ingredienti

  • Un pezzo di filetto da 320 gr. circa (preferibilmente la parte finale);
  • 2 patate medie cotte al vapore e passate al passa verdure;
  • 1 rametto di rosmarino;
  • 1 fogliolina di alloro;
  • 4 cucchiai di olio evo;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • Noce moscata q.b.;
  • 2 cucchiai di olio evo;
  • 250 gr. latte.

Istruzioni

  1. In una teglia scaldate l’olio con il rosmarino e alloro, unite un pezzo di filetto intero e cuocetelo a fiamma media su tutti i lati fino a che la parte centrale del tronchetto resterà leggermente rosata, circa 6/8 minuti per lato o fino a che il centro risulterà rosato
  2. A fine cottura salate e pepate la carne, togliete le erbe aromatiche e riponetelo in un piatto caldo coperto tenendo da parte il fondo di cottura, privato del rosmarino.
  3. Gettate metà del fondo di cottura del filetto, unite la purea di patate, l’olio evo, il sale, la noce moscata, il latte e mescolate con un cucchiaio di legno facendo cuocere per 10 minuti circa.
  4. Raggiunta la densità voluta, toglete dalla fiamma e unite il parmigiano grattugiato.
  5. Disponete il purè sul fondo di un piatto, tagliate il filetto caldo in 4 cilindri e adagiateli sopra il purè, unite sopra la carne i liquidi rimasti nel piatto dove avete adagiato il filetto.
  6. Guarnire con qualche rametto di prezzemolo, qualche pomodorino tagliato a metà e qualche pezzetto di peperone per dare colore.

Seguimi su Facebook