Saccottini di calamari ripieni al forno

Ciao ciao cari amici lettori,

Parliamo un pò del calamaro?

calamari

Classificato come mollusco, il calamaro si differenzia dal totano, anche se è molto simile. I calamari europei hanno dimensioni molto inferiori dai calamari del sud America, quest’ ultimi solitamente non presenti nel nostro mercato ittico. I calamari possiedono tutte le caratteristiche dei molluschi cefalopodi, hanno una testa provvista di occhi, bocca a forma di becco, tentacoli, mentre il corpo superiore, a forma di sacca, contiene una conchiglia che protegge gli organi deputati alla digestione e riproduzione. Il corpo ha una forma conica con una penna centrale trasparente, sottile e lunga, possiede 2 pinne laterali e la testa con dieci tentacoli di cui 2 lunghi, indispensabili per la caccia e muniti di ventose. Il calamaro europeo non supera il mezzo metro di lunghezza per un peso massimo di circa 500 gr. I calamari vivono in profondità abissali, preferiscono le ore notturne per cacciare e risalgono in superficie anche per la riproduzione. La loro dieta prevede molluschi, crostacei e pesci, mentre alcuni si cimentano anche nel cannibalismo. I calamaretti più piccoli sono destinati ad eccellenti fritture, mentre quelli più grandi, privati di occhi, interiora e, una volta vuotato il corpo, possono essere cucinati ripieni, oppure ai ferri, per sughi di risotti, pasta, polenta e insalate. Il calamaro necessita di una breve cottura, se invece in forno, un pò più prolungata.

Ingredienti per 2 persone:

Procedimento:

Staccare il corpo conico dei calamari dalla testa, togliere le interiora dal corpo conico, le interiora attaccate alla testa, gli occhi e il becco (bocca), lavare bene il tutto e far scolare per mezz’ora. Tritare finemente la testa e i tentacoli. In un tegame, scaldare bene 3 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio, unire i tentacoli e le teste tritate, sale e pepe, far rosolare fino a che il liquido rilasciato non si sarà ridotto, bagnare con 1/2 bicchiere di vino bianco, far evaporare e cuocere fino a che tutto il liquido si sarà quasi completamente asciugato. Togliere dal fuoco, unire il pane grattugiato, sale, pepe, prezzemolo, altri 3 cucchiai di olio all’aglio e amalgamate il tutto. Riempite di composto di pane i coni dei calamari e chiudete i lembi con degli stuzzicadenti, riponeteli in un piatto piano. Prendete una placca da forno, scaldate i rimanenti 4 cucchiai di olio all’aglio rimasti, unite i calamari e il rimanente composto di pane sopra di essi, rosolate bene da ambo i lati, bagnate con il rimanente vino bianco e fate evaporare. Nel frattempo scaldate il forno a 200° con modalità ventilazione, unite 1/2 bicchiere d’acqua nella casseruola, coprite con un foglio di carta alluminio e infornate. Cuocete per circa 30/35 minuti, aggiungendo ancora un pò d’acqua di tanto in tanto se dovessero asciugare troppo. Dopo 15 minuti, girate i calamari in modo che cuociano bene da ambo i lati. Trascorso il tempo necessario, togliete dal forno, disponete su un piatto teso il pane cotto che si trova sul fondo della placca,  disponetevi sopra i calamari e serviteli caldi, guarendo a piacere con un goccio di olio extravergine d’oliva e una spolverata di prezzemolo.

Seguimi su facebook

16 Replies to “Saccottini di calamari ripieni al forno”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...