Sticks di seitan naturale con riduzione di salsa curry

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

Oggi vi parlo di questa ricetta a base di seitan e la dedico a tutti gli amici vegani e vegetariani. A me piace molto il seitan e lo mangio almeno una volta alla settimana al posto della carne. Il seitan è un prodotto derivato dal frumento, si tratta di un concentrato di proteine vegetali (glutine), alternativa alle proteine di origine animale. Il seitan si ottiene estraendo il glutine dalla farina di frumento, quindi dalla semola, impostando e lessando il tutto in acqua insaporita con salsa di soia, zenzero, alga kombu e sale. L'estrazione del glutine dal frumento si ottiene aggiungendo acqua calda alla farina, quindi si impasta energicamente prima di aggiungere ulteriore acqua calda, l'impasto andrà lasciato riposare, a bagno, per una decina di minuti. Dopo un successivo impasto, la massa ottenuta viene posta in un colino e lavata più volte in acqua calda e fredda, per allontanare le componenti idrosolubili residue. L'ultimo lavaggio viene fatto con acqua fredda, in modo da dare una consistenza solida al prodotto e compattarlo in una grossa palla. La quantità di glutine che si ricava è maggiore quando si utilizza farina di grano duro; la concentrazione della gliadina e glutenina, due proteine che, unendosi insieme durante l'impasto, compongono il glutine. L'acqua di ammollo e quella dei primi risciacqui, è ricca di amido di frumento e può essere aggiunta agli stufati, ai ragù e salse per le sue proprietà addensanti naturali. L'aspetto del seitan è simile a quello della carne e, grazie alla sua consistenza, si possono ottenere forme diverse, come salsicce, bistecche, tagli per spezzatino e altro. La somiglianza alla carne è dovuta alla presenza di due proteine del glutine, la gliadina e le glutenina, che conferiscono al prodotto una consistenza elastica<strong>, </strong>morbida e resistente. Il seitan scarseggia di vitamina B12 e ferro, si presta però, a parecchie preparazioni veloci, grazie alla sua precottura possiamo passarlo alla griglia o in padella accompagnanolo con parecchi commestibili vegetali o salse.

Seitan

Continua a leggere “Sticks di seitan naturale con riduzione di salsa curry”

Nido di bigoli caserecci con ragù d’anatra e trito di castagne

Un buongiorno a tutti voi e un caloroso benvenuto nel mio blog per leggere un altra ricetta sfiziosa, almeno secondo me! Si tratta di un piatto molto ricercato e rinomato, disponibile in diversi ristoranti. Dalle mie parti, vengono proposte ricette di un tempo, con pasta fatta a mano, insaporita con aromi naturali e con carne tagliata manualmente. Come già spiegato in altre occasioni, l’utilizzo di elettrodomestici per il taglio, causa l’alterazione del sapore della carne per surriscaldamento. Per scelta, preferisco carni bio da allevamenti a terra, questo vale anche per le uova, prodotte da galline libere e non allevate in gabbia. Il sapore decisivo del ragù che prepareremo, è senza dubbio legato al fondo di cottura, ricco di fresche verdure bio, selezionate in modo preciso e curato, ed erbe aromatiche. Il miglior taglio di carne che consiglio per questa ricetta è il petto dell’anatra, per la sua tenerezza. È possibile impiegare altre parti dell’anatra, unendo un 50% di petto ad un 50% di altri tagli. Come pasta, scelgo i bigoli perché, a mio avviso, si sposano meglio. Continua a leggere “Nido di bigoli caserecci con ragù d’anatra e trito di castagne”

Info blog 👍

Buongiorno a tutti voi,

spero di esservi d’aiuo in cucina con le mie proposte e mi auguro, soprattutto, che non siano troppo complicate! Cerco sempre di eseguire ricette facili per aiutare tutti coloro che hanno il piacere di mangiare bene senza diventare pazzi in cucina.

Gradirei informarvi che se avete bisogno di consigli, aiuto, o altre informazioni in merito alle ricette scrivetemi pure, vi risponderò con immenso piacere.

Sarei molto onorato di ricevere i vostri preziosi consigli e opinioni in merito al mio blog, per poter migliorare e agevolarvi nelle preparazioni.

Un  grazie di cuore a tutti con tanta umiltà da parte mia!

Max

Seguimi su facebook

Seguimi su Instagram

 

Composizione di mazzancolle rosolate in soutè con ragù di marroni.

  • Porzioni: 2
  • Problema: Medio
  • Stampa

Come promesso a qualcuno di voi, vi presento una ricetta con il delizioso crostaceo decapode, ossia con 10 zampe, appartenente alla famiglia Penaeidae. Andremo ad abbinare il suo sapore dolciastro a quello delicato e particolare delle castagne, frutto di questa stagione. Sò bene che l'accostamento vi potrebbe creare dei dubbi circa il risultato, ma il segreto stà quasi sempre negli ingredienti utilizzati per la preparazione. Se saranno semplici che non coprono, bensì esaltano i due protagonisti della ricetta, andremo a sposare due sapori che diventeranno assieme unici al palato.

Continua a leggere “Composizione di mazzancolle rosolate in soutè con ragù di marroni.”

Spirale di bavette alla carbonara

  • Porzioni: 2
  • Problema: medio bassa
  • Stampa

Ciao amici, vi propongo una ricetta conosciuta da tutti, ma dobbiamo essere accorti a non commettre certi errori che potrebbero compromettere questo delizioso piatto tipico del Lazio.

Continua a leggere “Spirale di bavette alla carbonara”

Fagioli borlotti cremosi al rosmarino

  • Porzioni: 3
  • Problema: Basso
  • Stampa

Ho il piacere di proporvi una ricetta molto semplice, apprezzata e gustosa. Vi ho già raccontato dei fagioli nella ricetta Pasta e fagioli sapori antichi, perciò adesso vi parlo del rosmarino, prima di passare alla ricetta vera e propria. Si tratta di una pianta sempreverde, tipica della macchia mediterranea, che cresce dal livello del mare fino a 1200m di altitudine. Possimo dire che possiede proprietà digestive naturali, mentre l'olio essenziale contenuto è riccho di eucaliptolo e possiede un alta proprietà antiossidante. Quest'ultimo agisce sulle vie biliari e sull'intestino tenue per favorire la digestione.

Continua a leggere “Fagioli borlotti cremosi al rosmarino”

Risotto delicato con porri, curcuma e cuore di bacon croccante

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

Oggi vi descrivo questa ricetta molto sfiziosa. Il porro è un ortaggio molto tenero con un gusto dolciastro e di facile digeribilità, si raccoglie nei periodi da Ottobre a Marzo.

porro

Continua a leggere “Risotto delicato con porri, curcuma e cuore di bacon croccante”

Paccheri spadellati con ragù di spigola e rana pescatrice profumati con basilico fresco

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

Iniziamo a spiegare che i paccheri sono una tipica pasta campana assomigliante a maccheroni giganti, realizzati con semola di grano duro. Data la loro forma grande, i paccheri possono essere farciti come i cannelloni, si accompagnano con tanti sughi a base di pesce, verdure e carni. Questo tipo di pasta risale al XVI secolo, quando nacquero i primi pastifici a conduzione familiare. Le zone ideali per la produzione di paccheri furono Gragnano e Napoli, grazie al clima di sole, vento e giusta umidità. Infine, la ruvidezza della superficie di questa pasta aiuta il sugo ad attaccare e regala una resa più gustosa in bocca.

Continua a leggere “Paccheri spadellati con ragù di spigola e rana pescatrice profumati con basilico fresco”

Mezzaluna di omellette con ripieno di radicchio rosso e groviera filante

  • Porzioni: 2
  • Problema: Medio
  • Stampa

Oggi voglio parlarvi dell'omelette, con questo termine francese s'intende una preparazione a base di uova sbattute e cotte in soutè. Non stiamo parlando di una semplice frittata cotta in padella, ma di una preparazione che combina forma e consistenza diversa tra esterno ed interno, grazie al ripieno. La particolarità di questa preparazione sta' nell'abilità di arrotolare la frittata su se stessa, facendo in modo di contenere il ripieno al suo interno senza farlo uscire. Il valore nutrizionale dell' omelette è molto variabile, legato alla scelta del ripieno desiderato, che può consistere in vegetali, carni o formaggi. Per quanto riguarda la sua digeribilità, possiamo dire che, anche questo fattore è determinato dagli ingredienti che compongono il ripieno. Per la realizzazione di questa ricetta, si utilizzano esclusivamente uova intere con l'aggiunta di sale, pepe, latte, formaggio grattugiato, arricchendo con ingredienti a piacere. La cottura deve essere abbastanza breve, con una fiamma medio bassa, per lasciare l'interno morbido e non interamente cotto. Questo dettaglio è necessario in quanto impiegheremo un ripieno precotto. Per il ripieno, possiamo utilizzare ortaggi, funghi, carni fresche e salumi croccanti tagliati a julienne. Per l'utilizzo di più ingredienti nel ripieno, serve cucinare separatamente i diversi ingredienti in padella, a seconda delle differenti cotture necessarie. Un eccessiva cottura potrebbe alterare il gusto del formaggio grattugiato, quindi, per non rischiare, consiglio di utilizzare della panna liquida al posto del latte. La panna infatti, svolge più funzioni in questa ricetta: morbidezza, perché previene la cottura eccessiva del formaggio se il tempo eccede, cura la consistenza morbida dell'alimento ed evita l'aderenza al fondo del soutè. Ricordo però che la panna è un ingrediente grasso perciò, personalmente, preferisco il latte parzialmente scremato.

Continua a leggere “Mezzaluna di omellette con ripieno di radicchio rosso e groviera filante”

Filettino d’orata croccante con crema di castagne al profumo d’alloro

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

L'orata è un pesce di mare osseo, vive nel Mediterraneo e nell'Atlantico, si nutre di molluschi, ricci di mare, lumache di mare, crostacei. L'orata di allevamento pesa circa 300/340 gr. e ha delle dimensioni tra i 20/40 cm. È un pesce ermafrodita, nasce dotata di gonadi maschili che s'invertono a femminili dopo aver raggiunto una certa taglia. L'orata è un pesce molto gradito tanto quanto il branzino, tonno, spada, cernia e dentice. Questo pesce può essere cucinato al cartoccio, alla brace, come sushi, al carpaccio, al vapore e in casseruola. Questo tipo di esemplare è consigliabile cucinarlo con cotture molto veloci, processi di cottura troppo lunghi porterebbero all'eccessiva perdita d'acqua e grasso. Per la crudità, è consigliabile l'utilizzo di specie non allevate, perché il mangime può causare odori sgradevoli del tessuto adiposo rendendo il pesce non gradevole a questo tipo di preparazione. Ha un buon contenuto di acidi grassi polinsaturi, anche se non nella stessa quantità del pesce azzurro, e grassi monoinsatudi, in aggiunta, contiene molte proteine ad alto valore biologico. La preparazione di questa ricetta può essere eseguita con l'orata cotta in padella o al vapore. Io preferisco la cottura in padella.

Continua a leggere “Filettino d’orata croccante con crema di castagne al profumo d’alloro”

Tartàre di tonno fresco aromatizzato con erba cipollina

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

tonno-pinna-blu-729385

tonnorossogreenme

Continua a leggere “Tartàre di tonno fresco aromatizzato con erba cipollina”

Formaggi

Amici lettori,

Oggi vi parlo dei formaggi. Attualmente, sulle nostre tavole e in commercio, ne troviamo una gran varietà, formaggi  con latte di vacca, pecora, capra, bufala e latte misto: vacca-pecora, vacca-capra, vacca-pecora-capra, pecora-capra. Possiamo anche scegliere formaggi a pasta cruda, pasta semicotta e pasta cotta. Continua a leggere “Formaggi”

Grazie di cuore a tutti

 

Ciao carissimi amici,

Un piccolo pensiero per ringraziare tutti voi per avermi permesso di raggiungere il primo, per me, importante traguardo di 500 LIKE.  Ad alcuni di voi verrà da sorridere, ma per me è  davvero un bel primo passo. Ho aperto questo blog da circa un mese quasi per “SCHERZO”, dettato dalla passione per la cucina che ho sempre coltivato dentro di me, anche se ora non pratico più questa professione. Dopo tanti anni di sacrificio, ho iniziato a rivivere la mia passione scrivendo in questo blog. Il mio obiettivo è quello di condividere con tutti voi le mie conoscenze culinarie in tutto e per tutto. Non voglio stancarvi troppo, raccontando le mie indescrivibili emozioni che stò provando in questo periodo, perciò concludo con un semplice e umile GRAZIE INFINITE!

 

Uova in camicia su letto di broccoli saltati in soutè

  • Porzioni: 2
  • Problema: Basso
  • Stampa

Oggi vorrei parlarvi della cottura dell'uovo in camicia, una cottura poco usata che si avvicina alla consistenza dell' uovo alla coque se la cottura è di tre minuti dall'immersione in acqua. Possiamo comunque decidere di prolungare la cottura a quattro o massimo cinque minuti se lo vogliamo più cotto e sodo. Io consiglio quattro minuti dal momento in cui l'uovo viene rotto nell'acqua. Questo tipo di cottura permette una buona digeribilità come per l'uovo alla coque. La cottura consiste nel rompere l'uovo nell'acqua bollente leggermente acidulata e far rapprendere l'albume attorno al tuorlo. Digeribilità media dell'uovo: Uovo fritto: frittata, strapazzato o al burro circa 3 ore; Uovo sodo circa 2 ore; Uovo alla coque o in camicia (bollito 3-5 minuti) 1 ora e 1/2. La digeribilità dipende molto dalla cottura del tuorlo, più viene cotto, meno diventa digeribile.

Continua a leggere “Uova in camicia su letto di broccoli saltati in soutè”

Risotto con radicchio rosso e Monte Veronese Dop

  • Porzioni: 2
  • Problema: facile
  • Stampa

Cari amici, come avrete capito, sono un amante del riso e, amo cucinare i risotti. Oggi vi propongo una ricetta molto diffusa dalla mie parti e non solo, utilizzando il Monte Veronese, un formaggio tipico della mia zona. In altre località, si utilizza anche il taleggio che rappresenta una valida variante. Comunque sia, si può utilizzare un formaggio dal sapore delicato ma, allo stesso tempo, con un gusto non troppo forte. Il Monte Veronese in commercio è disponibile stagionato o poco stagionato. Questo tipo di formaggio proviene dai monti della lessinia e viene prodotto con latte di vacca intero, presenta una crosta molto sottile di colore paglierino. La pasta invece, è di colore bianco, paglierino o giallo chiaro con un occhiatura più o meno diffusa, è elastica e il suo odore ricorda il burro fresco. Il gusto è molto delicato e gradevole, il sapore è dolce e leggermente acido come lo yogurt. Si sposa con vini rossi strutturati, invecchiati o a vini passiti o fortificati.

Continua a leggere “Risotto con radicchio rosso e Monte Veronese Dop”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: