Vellutata di finocchio al profumo di rosmarino

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Sentiamo spesso parlare di vellutata di patate, proposta ormai in tutte le salse: buona, gustosa, con cozze, vongole e quant'altro ma... se vi piace il finocchio, vi suggerisco una vellutata straordinaria, leggera, ricca di sapore realizzata con finocchio fresco e un leggero retrogusto di rosmarino. Cosa ne pensate? Vi piace? Questa ricetta può essere realizzata anche per dar fondo ai ritagli di finocchio come barba e gambi. Prepariamola insieme.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 150g finocchio tagliato e passato al mixer compresa la barba;
  • 20g farina bianca;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 600ml brodo vegetale o acqua;
  • 3 cucchiai di olio all’aglio;
  • 3 cucchiai di olio evo;
  • 2 rametti di rosmarino fresco.

Istruzioni

  1. In un tegame scaldate l’olio all’aglio, unite il finocchio passato al mixer, unite sale, pepe e fate insaporire per alcuni minuti mescolando;
  2. Aggiungete la farina setacciata, mescolate bene per circa 5 minuti a fuoco basso fino a che il preparato si staccherà dai lati e dal fondo del tegame;
  3. Stemperando con una frusta, unite il brodo vegetale o l’acqua e rimestare di tanto in tanto tenendo la fiamma moderata;
  4. Quando la vellutata inizierà ad addensare e velare su un cucchiaio, spegnete la fiamma e regolate di sale e pepe;
  5. In un tegamino fate rosolare leggermente l’olio evo con i rametti di rosmarino, togliete l’erba aromatica, incorporate l’olio aromatizzato nella vellutata e servite a piacere con crostini di pane tostati in padella.

Seguimi su Facebook

Vellutata di fagioli con cozze al profumo di basilico

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: medio bassa
  • Stampa

Questa ricetta è molto sfiziosa ma serve rispettare alcuni accorgimenti. Innanzitutto per dare il sapore delle cozze alla crema dobbiamo incorporare l'acqua di cottura dei molluschi e completare, infine, con olio evo aromatizzato al rosmarino per dare un'omogeneità vellutata alla pietanza.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

[/recipe-directions]

  1. In una casseruola lessate i fagioli con l’acqua che dovrà coprire di due dita i fagioli e aggiungete sale grosso;
  2. Nel frattempo cuocere le cozze pulite seguendo questa ricetta, sgusciatele e riponetele da parte ricoperte d’acqua, filtrate il liquido di cottura e riponetele da parte in un contenitore;
  3. Quando i fagioli saranno cotti passateli nel passa verdure e trasferite il tutto in una casseruola;
  4. In un tegamino versate l’olio evo, unite i rametti di rosmarino, accendete la fiamma, quando inizierà a soffriggere spegnete il fuoco, quando sarà tiepido togliete il rosmarino ed incorporate l’olio nella crema di fagioli mescolando col cucchiaio di legno;
  5. Unite due mestolini di acqua di cottura delle cozze mescolando continuamente;
  6. Scaldate la crema sulla fiamma, versatela in un piatto fondo e unite i molluschi in superficie in modo casuale, spolverate con un pizzico di basilico fresco tritato, unite dei crostoni di pane a piacere strofinati con uno spicchio d’aglio precedentemente passati in forno con modalità grill o in padella senza condimenti.  Guarnite con alcuni gusci delle cozze.

    Istruzioni

Seguimi su Facebook

Minestra di riso con zucca

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: facile
  • Stampa

Gentili amici lettori, parliamo di una ricetta molto gradevole che sposa il riso con la zucca in una versione minestra, molto leggera e di conseguenza digeribilissima.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 80 gr. riso semifino;
  • 80 gr. zucca tagliata a dadini;
  • Brodo vegetale (un pentolino diametro 20x H10);
  • Sale grosso q.b.;
  • Pepe macinato al momento.

Istruzioni

Fate bollire il brodo e unite il sale grosso necessario, unite il riso, la zucca e portate a cottura. Il composto dovrà risultare morbido e al cucchiaio come una minestra leggermente densa. Servite calda con pepe macinato al momento è olio extravergine d’oliva crudo.

Seguimi su Facebook

Zuppa d’orzo

  • Porzioni: 3/4
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Ciao amici del mio blog, vi voglio parlare dell'orzo, un cerele tra i più apprezzati dalla popolazione mondiale dei giorni nostri. L'orzo perlato è ricco di amido e zuccheri con poche tracce di glutine. Questo cereale è molto apprezzato per la sua elevata digeribilità e per la sua semplicità di utilizzo, infatti, essendo privo della pellicina esterna, non necessita di tempi di ammollo preventivi particolarmente lunghi e la cottura risulta molto veloce. L'orzo può essere utilizzato per la preparazione d'insalate, zuppe, piatti unici, contorni e tanto altro ancora.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 100 g di orzo perlato, lasciato per almeno 1 ora in ammollo immerso in acqua fredda;
  • 1/2 cucchiaio di cipolla tagliata finemente;
  • 40 g di carote tagliate a brunoise;
  • 20 g di sedano tagliato a brunoise;
  • 2 litri di brodo di carne;
  • 100 g di speck tagliato a brunoise;
  • 80 g di patate tagliate a brunoise;
  • 40 gr. di porri tagliati a julienne;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 1 cucchiaio di erba cipollina;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Istruzioni

  1. Rosolate la cipolla, le carote, il sedano e i porri con l’olio d’oliva. Unite lo speck e successivamente le patate, fate insaporire per qualche minuto, unite l’orzo, tostate per alcuni istanti e aggiungete il brodo, salate e pepate;
  2. Cuocete fino a che l’orzo non sarà cotto.  Infine, unite l’erba cipollina, regolate di sale e pepe la zuppa e servitela calda con crostini di pane tostato a piacere.

Seguimi su facebook

Zuppetta di cipolla bianca gratinata con crostini

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: media
  • Stampa

Con questo freddo la voglia di zuppe e minestre di verdure aumenta, ma cosa preparare di appetitoso, veloce e poco impegnativo? Io adoro le cipolle, anche se devo dire che ne mangio poche. Con questo ortaggio possiamo preparare varie pietanze oltre ad essere usato per parecchi piatti come fondo di cottura. Vi propongo una deliziosa zuppetta di cipolle che non vi creerà nessun problema di cattivo odore in bocca. Preparatela con me.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 2 cipolle medie tagliare a fette sottili;
  • Uno spicchio d’aglio tritato o 2 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio;
  • 50 gr. di farina setacciata;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 litro di brodo vegetale;
  • 4 fette di pan carrè tagliato a cubetti;
  • 70 gr. di groviera tagliato a scaglie.

Istruzioni

  1. Soffriggere la cipolla tagliata a fette con olio aromatizzato o con l’aglio tritato, per alcuni minuti a fiamma moderata senza che assuma colore. Salare e pepare. Quando la cipolla avrà perso la sua consistenza diventando morbida, unire la farina setacciata un po’ alla volta mescolando con un cucchiaio di legno;
  2. Cuocere per circa 5 minuti a fiamma lenta, rimestando continuamente evitando che attacchi sul fondo. Unire il brodo vegetale bollente, stemperando con una frusta per evitare grumi. Cuocere fino a ridurre il liquido quasi della metà, mescolando di tanto in tanto. Quando inizierà a raddensarsi, ovvero lasciare un velo sul cucchiaio, spegnere il fuoco;
  3. Aggiustare di sale e pepe e mettere in una zuppiera di ceramica. Distribuite sulla superficie le scaglie di groviera, e gratinare in forno riscaldato a 190° modalità grill fino a che il formaggio non assumerà un colorito leggermente dorato;
  4. Servire a tavola con a parte crostini di pane carrè precedentemente tostati in padella al naturale. Sarà un piatto sublime ve lo posso garantire. Buona zuppa!

Seguimi su facebook

Seguimi su Cookpad

Vellutata di funghi con dadolata di crostini caldi

La crema di funghi è una delle mie minestre preferite per il suo sapore intenso. Servita con crostini di pane croccante diventa una pietanza eccelente in questo periodo.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di funghi misti o porcini;
  • 25 gr. Porcini secchi ammollati in 1/2 litro di acqua tiepida per circa 1 ora;
  • 2 cucchiai di olio d’oliva extravergine di oliva aromatizzato all’aglio;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 2 cucchiai di farina bianca;
  • 1/2 l. brodo vegetale;
  • 2 cucchiai di panna fresca da cucina;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • A piacere qualche cucchiaio di salsa pomodoro per dare un colore rossiccio;
  • 4 cucchiai di pan carrè per crostini tagliati a cubetti.

Procedimento:

Ammollate i porcini secchi in 1/2 litro di acqua tiepida per circa 1 ora. Pulite i funghi freschi togliendo le parti terrose con un coltellino e raschiare gli eventuali residui. Lavateli sotto acqua fredda corrente e tagliateli a pezzetti. Scolate, strizzate e tritate i porcini secchi ammollati, recuperate il liquido d’ammollo e unitelo a 1/2 litro di brodo vegetale. Scaldate l’olio all’aglio in un soutè e quando sarà ben caldo, unite i funghi freschi e quelli secchi, il sale e il pepe, cuocete mescolando continuamente fino a cottura ultimata, unite il prezzemolo tritato e spegnete la fiamma, fate riposare. Scaldate i 2 cucchiai di olio d’oliva in una casseruola, unite la farina mescolando continuamente e fate cuocere fino a che la farina non avrà un colorito nocciola. Mescolando in seguito con una frusta, unite il brodo caldo, i funghi trifolati e poi, a piacere la salsa pomodoro, regolate di sale, pepe e cuocete a fuoco medio per circa 10/15 minuti. Spegnete il fuoco e frullate con un mixer a immersione, incorporate infine la panna da cucina e servite calda con crostini di pane saltati in padella senza nessun condimento. A piacere è possibile unire un giro d’olio crudo sopra la crema.

Note importanti: l’acqua dei funghi secchi è molto determinante per dare il sapore di funghi alla vellutata.

Seguimi su facebook

Pasta e fagioli sapori antichi

La pasta e fagioli è una delle mie minestre preferite, una pietanza che al ristorante veniva molto richiesta  dalla clientela per il suo sapore coinvolgente e delicato, con un tocco finale di rosmarino. I fagioli sono dei semi e sono sempre stati considerati un alimento povero anche se molto nutriente. Come tutti i legumi, contengono molte proteine vegetali, che però da sole, non sostituiscono le proteine nobili della carne. Possono aumentare le loro proprietà se associate ai cereali. I fagioli essendo ricchi di fibre,  hanno un effetto lassativo e contribuiscono ad abbassare il colesterolo. Per 100 gr. di prodotto possiedono circa 300 calorie, contengono fibre, proteine, potassio, fosforo, magnesio e ferro. Contengono anche calcio, sodio, zinco e vitamine del gruppo B (B2, B3, B6).

Ingredienti:

  • 300 gr. Fagioli borlotti secchi o 400 gr. freschi, in caso di fagioli secchi farli ammollate in acqua tiepida per circa 24 ore;
  • 1 cucchiaio di cipolla tritata;
  • 1 patata media tagliata a pezzetti;
  • 1/2 gamba di sedano tagliata a brunoise;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Mezzo bicchiere  d’olio d’oliva  exrtavergine;
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine per il soffritto;
  • 2 rametti di rosmarino fresco;
  • 2 litri di brodo vegetale;
  • 30 gr. di maltagliati per persona.

Procedimento:

Metti a soffriggere la cipolla e il sedano con un cucchiaio di olio extravergine, quando le verdure saranno rosolate, aggiungi le patate tagliare a pezzetti e i fagioli precedentemente ammollati e scolati. Fai tostare per qualche minuto e in seguito aggiungi il brodo vegetale. Unisci sale e pepe e fai cuocere fino a che i fagioli non saranno cotti al dente. Se il brodo evapora troppo durante la cottura, aggiungine ancora, poco alla volta, cercando di mantenere una densità media del composto. Spegni la fiamma, passa nel passaverdure tutte le patate e la metà dei fagioli. Nel caso  la minestra fosse troppo liquida, cerca di ridurla a fiamma moderata fino a densità voluta, mescolando di tanto in tanto. Prendi un tegame, metti il 1/2 bicchiere di olio con il rametto di rosmarino e scalda a fiamma moderata per circa 5 minuti, così da insaporire l’olio. Unisci i maltagliati alla minestra, a cottura ultimata incorpora l’olio aromatizzato al rosmarino nella zuppa mescolando con un cucchiaio. Servire calda.

Seguimi su facebook