Filetto di branzino in crosta di patate alle erbette aromatiche

Cari amici, il weekend è prossimo e alcuni di noi potebbero avere ospiti a cena, oppure  avere il desiderio di preparare qualcosa di sfizioso per il pranzo della domenica in famiglia. Ma cosa possiamo proporre di poco impegnativo, diverso dal solito e da gustare in tranquillità? Niente di meglio di questa pietanza che sicuramente vi piacerà e farete un figurone. Vogliamo realizzarla insieme? A me viene già  l’acquolina in bocca al solo pensiero. Vi raccomando di dirmi in seguito il risultato che avrete ottenuto, mi farebbe molto piacere. Grazie!

 

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 filetti di branzino freschi da circa 150 gr. l’ uno;
  • 4 patate medie;
  • Olio d’oliva extravergine d’ oliva;
  • 3 foglie di salvia e 1 rametto di rosmarino tritati;
  • Sale, pepe macinato al momento.

Procedimento:

Accendere il forno impostando una temperatura di 200° in modalità  ventilata e grill, pelate le patate, tagliatele a rondelle molto fini, tipo patate chips e mettetele in una terrina. Foderate una placca da forno con la carta oleata apposita e, cospargetela con un filo d’olio extravergine, aiutatevi  con un dito per stendere l’olio sulla superficie della carta forno. Disponete le patate sulla carta oleata formando uno strato sottile dove, successivamente, appoggerete i filetti di branzino. Prima di stendere il pesce sulle patate, salate, pepate e cospargete con un po’ di salvia e rosmarino tritati. Stendete i filetti sulle patate, coprire completamente il pesce con le rimanenti patate, quindi unite il sale, il pepe, il resto delle erbe aromatiche tritate e aggiungere un filo d’olio sulla superfice in modo circolare. Cuocere per circa 30 minuti, quando le patate saranno ben colorite e croccanti, togliete la teglia dal forno. Prendete una paletta di acciaio, sollevate un filetto di pesce per volta e appoggiate su un piatto piano, ricoprite con le patate croccanti e servite i vostri ospiti che resteranno a bocca aperta.

Risultato: durante la cottura la carne del branzino assorbe il sapore della patata che si trasformerà  in un sapore delicato e delizioso aromatizzato dalle erbe aromatiche. Per il vino, consiglio il Verduzzo.

Variante: possiamo utilizzare alti tipi di pesce per es. rombo, pesce persico,orata e pesce africano.

Seguimi su facebook

 

 

Pesto alla genovese

Buongiorno carissimi, che ne pensate se preparassimo un po’ di pesto alla genovese da tenere in frigo e consumare anche in inverno? A volte arriviamo a casa a pranzo e non abbiamo tempo di prepararci tante cose e il pesto ci offre un condimento per un’ottima pasta. È già pronto in frigo e ci propone soluzioni appetitose per tante pietanze. Personalmente, non essendo un lavoro lungo, preferisco preparare il pesto a mano, piuttosto che acquistare prodotti già pronti, ricchi di conservanti. Se siete d’accordo, passiamo subito all’esecuzione.

Ingredienti:

  • 1 ciotola diametro 30 cm alta 15 cm di Basilico freso;
  • 1/2 bustina di pinoli;
  • Sale q.b.;
  • Olio extravergine di oliva;
  • 2 spicchi d’aglio tritato oppure olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio.

Procedimento:

Tritare a mano, molto finemente, il basilico fresco con aglio e pinoli, appoggiate il trito in un piatto e aggiungete il sale. Mescolate con un cucchiaio, mettete il composto in un vasetto di vetro e unire l’olio d’oliva fino a coprire di 1/2 centimetro la superficie del basilico. In caso non vogliate usare l’aglio tritato, utilizzate l’olio aromatizzato all’aglio per riempire il vasetto di vetro. Conservare in frigorifero e utilizzate all’occorrenza, facendo attenzione prima di riporre il vaso in frigorifero, che la superficie sia sempre coperta d’olio. Buon inverno con il pesto!

Seguimi su facebook

 

Minestra di verdure leggera con zucca, cavolfiori e ceci.

Ciao, purtroppo l’estate se ne sta’ andando e l’autunno è alle porte, quale miglior momento per consumare un’ ottima minestra ricca di verdure saporite? In autunno le minestre di verdure  sono molto apprezzate, ci nutrono, ci scaldano e ci rilassano. Prepariamo questa minestra insieme?

Ingredienti per 4 persone:

  • Cavolfiore tagliato a ciuffi con uno spelucchino;
  • Zucca sbucciata e tagliata a dadini;
  • Ceci;
  • 1 cipolla rossa media tagliata a spicchi;
  • 1 gamba di sedano;
  • 2 carote medie;
  • 1 patata media sbucciata;
  • Acqua;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 rametto di rosmarino, due foglie di salvia tritati.
  • Olio extravergine di oliva.
  • Per la quantità  delle verdure potete usare come misurino un bicchiere da tavola e riempirne uno di ceci,  1 ďi zucca, 1 di cavolfiori e 1 di patata.

Procedimento:

Mettere i ceci a bagno in acqua fredda per circa 12 ore. Prendere una casseruola con i bordi alti e unirvi 2 cucchiai di olio extravergine di oliva. Accendere il fuoco moderato e scaldare l’olio, unire la cipolla tagliata a spicchi, carote e sedano tagliate a cubetti. Far rosolare per alcuni minuti, unire la zucca e la patata tagliata a dadini, il cavolfiore e i ceci precedentemente scolati dall’acqua. Tostare tutte le verdure per alcuni minuti, unire rosmarino e salvia tritati e rosolare per qualche minuto. Aggiungere l’acqua fino a coprire per circa quattro volte la quantità  delle verdure, salare pepare e cuocere a fiamma moderata fino a che i ceci e le patate non saranno cotti. Aggiustare di sale e servire calda con un filo di olio crudo.

Variante: si possono aggiungere, a piacere, crostini di pane tostato in padella. Per preparare i crostini utilizzare del pan carrè tagliato a cubetti, saltare in un soutê ben caldo fino a che il pane non avrà  preso un colore dorato. Cospargerli, infine, sulla minestra di verdure.

Seguimi su facebook

Capresina di bufala al profumo di origano e aceto balsamico.

Ciao amici di mangiare a casa con Max, vi propongo oggi un piatto semplice ma delizioso. Un piatto veloce, buono e gradito in tutte le stagioni come secondo piatto o antipasto. Vi chiederete: ” Ma cosa ci proponi? Una cosa che tutti sanno fare?” È vero! Ma cambia il modo di farlo, soprattutto la scelta della mozzarella, il pomodoro e un pizzico di fantasia. Io utilizzo una prodotto del Cilento, una mozzarella che viene fatta dagli allevatori di questa località in quantità limitata, infatti, non la si trova in tutti i negozi o grandi distribuzioni, ma solo in negozi che offrono alimenti pregiati. Non costa molto, circa € 3,50 una confezione da 200 grammi. Io la trovo in una grande distribuzione ma ce ne sono sempre circa 12 pezzi. Passiamo ora alla realizzazione e godetevi questa bontà!

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 gr. Mozzarella di bufala;
  • 6/8 pomodorini datterino maturi;
  • Olio extravergine di oliva crudo;
  • Pepe macinato al momento;
  • Un pizzico di origano per porzione;
  • 1 cucchiaino di aceto balsamico.

Procedimento:

Tagliare la mozzarella a metà con un coltello con lama fine e liscia, circa 100 gr.  Per porzione, posare la mozzarella su un tagliere appoggiando la parte piana, quindi quella tagliata, affettarla con il coltello creando fette da circa 1/2 centimetro. Adagiate le fette su un piatto freddo in modo circolare, ponetevi sopra i pomodorini tagliati a metà, unite il pepe macinato al momento, spolverare la superficie con origano e un filo di aceto balsamico posato a filo in modo casuale. Infine, allo stesso modo dell’aceto, unire l’olio extravergine di oliva.

Variante: a piacere potete unire i pinoli e un cucchiaino di pesto alla genovese, al posto dell’aceto balsamico.

Tempo di preparazione: 5 minuti.

Seguimi su facebook

 

 

Il pane integrale di casa mia

Quanti di voi hanno sognato di fare il pane a casa? Credo tanti! Pane buono, croccante e genuino, magari anche integrale e ricco di fibre. Poi penserete ma come si fa il pane? No, troppo difficile, ci vuole troppo tempo, non ne ho voglia! E alla fine si torna al panificio di fiducia, sconfitti da un desiderio irraggiungibile. Mi sbaglio? Già,  tutto vero, forse perché anch’io ho provato tutto ciò,  un bel momento, però,  mi sono detto: “Ora ci provo!”. Vi confesso che prima di realizzare e trovare le giuste dosi ci ho impiegato un po’ di tempo, provando e riprovando varie volte, ora però me lo gusto molto volentieri! Che ne dite se preparariamo assieme questo alimento molto antico e molto nutriente? Rendiamolo semplice e fattibile, vedrete che non ve ne pentirete e vi gusterete un pane che oggi sarà  diffice trovare. Al giorno d’oggi purtroppo, il pane è  quasi tutto industriale, fatto con preparati di ogni genere che fanno perdere la sua bontà originale. Pochi panifici preparano ancora il pane con la tradizionale BIGA (impasto che dà forza al pane). Si usano perlopiù impasti diretti che tolgono al pane fragranza, lievitazione naturale con la conseguenza dell’aumento del peso. Tutti noi o quasi acquistiamo il pane, ma quanto ci costa 1 kg di pane oggi? Ci costa caro! O sbaglio? Fare un kg. di pane fatto in casa ci costa veramente poco, possiamo conservarlo in freezer, scongelarlo al mattino prima di andare al lavoro, trovarlo pronto a pranzo quando rientriamo e così anche per la sera. Possiamo dare una scaldatina in microonde con il grill e il pane è  pronto da gustare croccante. Forza,  non sentitevi sconfitti, ci sono io a darvi una mano: coraggio! Siete pronti? 

Ingredienti per la biga:

  • 250 gr. di farina tipo 0;
  • 100 gr. di acqua;
  • 10 gr. lievito di birra;
  • 1 cucchiaio da tavola scarso di zucchero;
  • 50 gr. di latte.

Procedimento:

Disporre la farina a fontana su un tavolo di marmo, a parte in un tegamino mettete il latte e scaldatelo fino a che sarà tiepido, sbriciolate, in una tazza da thè, il lievito di birra, unite lo zucchero e il latte tiepido. Mescolate con un cucchiaino da caffè fino a che il lievito non sarà sciolto e versatelo al centro della fontana di farina. Aggiungete l’acqua e mescolate partendo dal centro con un cucchiaio fino a che l’acqua non avrà incorporato tutta la farina. Impastare a mano fino a quando otterrete un impasto liscio e omogeneo, mettetelo in una ciotola di vetro precedentemente infarinata, copritelo con un canovaccio bagnato e strizzato d’acqua e fate riposare in un luogo caldo. Io lo metto in forno a 30° fino a che non sarà lievitato, dovrà diventare circa 3 volte più grande rispetto l’originale.

Ingredienti per il pane:

  • 700 gr. Farina integrale per pane;
  • 20 gr. Lievito di birra;
  • 50 gr. Latte
  • 400 gr. Acqua;
  • 1 cucchiaio e mezzo di sale;
  • 1 cucchiaio olio extravergine di oliva.
  • Se volete pane non integrale utilizzare la stessa farina utilizzata per la biga.

Procedimento:

Disporre a fontana la farina integrale su un tavolo di marmo, unire il lievito di birra sciolto con il latte come per la biga, l’ acqua tiepida precedentemente stemperata con il sale, infine, unire l’olio. Impastare procedendo come per la biga, quando la farina si sarà amalgamate con l’ acqua unire la biga, precedentemente preparata, incorporandola a pezzi. Impastare il tutto a mano fino a che il composto risulterà perfettamente omogeneo, amalgamato e tutto dello stesso colore.  Lavorare il composto a mano tenendo infarinato, tagliare piccoli pezzi da circa 50 o 100 grammi l’uno, in base alla dimensione del panino che desiderate, create delle palline e con il palmo della mano rotolarle avanti e indietro sul tavolo di marmo dando una forma di un sigaro. Posateli su una placca da forno precedentemente rivestita di carta forno  e fate dei piccoli tagli trasversali su dorso delle pagnotte con un coltellino appuntito. Mettere il forno a 30°, porre all’interno del forno un pentolino di acqua bollente oppure usare la funzione cottura pizza del forno. Questo servirà  a tenere umide le pagnotte evitando che si secchino in superficie. Fate lievitare fino a che le vostre pagnotte non saranno aumentate 3 volte rispetto a prima. Quindi estrarre la placca dal forno e anche il pentolino dell’acqua, alzare la temperatura a 240° e infornare il pane. Cuocere fino a che il pane non avrà  un colore dorato, circa 20 minuti. Togliere dal forno, lasciare raffreddare e poi mettetele in un sacchetto di carta per pane e conservate in freezer.

Seguimi su facebook

 

 

Tagliata di manzo al profumo di rosmarino

Ciao e buona giornata a tutti voi! Tutto bene oggi? Spero proprio di sì! Vi propongo un piatto ottimo per chi ama la carne rossa, veloce da preparare, poco impegnativo e sicuramente molto apprezzato. Andiamo a preparlo?

Ingredienti per 2 persone:

  • 400 gr. di controfiletto tagliato spesso circa 3 cm (a piacere può  anche essere tagliato più spesso quindi a 5 cm.;
  • 1 cucchiaino scarso di sale grosso;
  • Olio extravergine di oliva aromatizzato al rosmarino;
  • Qualche rametto di rosmarino per guarnire;
  • Pepe macinato al momento.

Procedimento:

Fate tagliare dal macellaio un pezzo di controfiletto spesso circa 3/5 cm, scaldate una piastra preferibilmente in ghisa in modo che sia ben calda tenendo la fiamma moderata. Quando la piastra sarà calda, adagiate sopra la carne e cuocete per circa 3 minuti, girate la carne aiutandovi con una paletta d’acciaio e procedete nello stesso modo anche per l’altra parte. A cottura ultimata, prendete un piatto, precedentemente scaldato, per appoggiare la carne che andremo a tagliare, in modo che non si raffreddi velocemente. Mettete la carne su un tagliere e tagliatela a listarelle larghe circa 1 cm, adagiate la tagliata, senza scomporla, sul piatto caldo sollevando la con la paletta. Condite con un filo di olio extravergine crudo, aromatizzato al rosmarino, cospargere col sale grosso, pepe macinato al momento e guarnite con le ramette di rosmarino. La vostra tagliata è  servita.

Variante: potete cambiare il rosmarino con rucola tagliata a julienne e scaglie di grana.

Tempo di preparazione: 10 minuti circa

Seguimi su facebook