Petto di pollo al curry con contorno di riso pilaf

Bentornati nel mio blog,

La proposta di oggi non è una novità! Si parla di pollo al curry, quello che però trovo diverso e non sempre accettabile da parte mia, è il procedimento per realizzare una ricetta gustosa come questa, con carne di pollo tenera insaporita di curry, salsa ridotta e densa al punto giusto, e riso pilaf al dente.

Ingredienti per due persone:

  • 2 petti di pollo da 150 gr. l’uno;
  • 1/3 di bicchiere di vino bianco secco;
  • 3 cucchiai di olio extravergine aromatizzato all’aglio;
  • 1 bicchiere di brodo vegetale;
  • 1 cucchiaio da tavola di curry;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Farina tipo 00 q.b.;
  • 2 coppette di vetro di riso pilaf leggermente pressato.

Procedimento:

Prepatate il riso pilaf , fatelo raffreddare e riempite due coppette di vetro a forma di mezza sfera e pressatelo leggermente. Infarinate i petti di pollo e scuoteteli dalla farina in eccesso. Scaldate bene l’olio in un tegame, unite i petti di pollo, salate, pepate e fateli rosolare da ambo i lati. Spruzzate con il vino bianco girando la carne almeno una volta e fate evaporare. Togliete i petti e riponeteli in un piatto, nel fondo di cottura unite il curry, il brodo vegetale caldo e stemperate con una frusta. Fate bollire per un minuto, unite i petti e fateli insaporire girandoli almeno una volta, toglieteli dalla salsa e metteteli da parte coperti. Fate ridurre la salsa fino a che avrà raggiunto una densità “al cucchiaio”, versatela, con l’aiuto di un cucchiaio, su un piatto teso, coprendo il fondo, appoggiate sulla salsa il petto di pollo caldo. Scaldate in microonde le coppette di riso per 1 minuto e sformate il riso dagli stampini di vetro capovolgendoli in fianco alla carne.

Seguimi su facebook

Tagliata di scottona con scaglie di parmigiano e rucola

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: medio bassa
  • Stampa

Vi ho già proposto la ricetta della tagliata, oggi ve la ripropongo in un altra versione, ossia con rucola e grana.

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 400 gr. di controfiletto di scottona;
  • 40 gr. Parmigiano tagliato a scaglie;
  • 15 gr. rucola;
  • 2 rametti di rosmarino fresco;
  • 1 filo di olio extravergine per porzione;
  • Un pizzico di sale grosso;
  • Pepe macinato al momento.

Istruzioni

  1. Scaldare bene una piastra per grigliate su un fuoco di diametro 10 cm circa, adagiarvi il blocco di carne intero con un rametto di rosmarino per lato, abbassare la fiamma al minimo e cuocere per cira 10 minuti per lato la carne, girandola su ogni suo lato ogni 5 minuti;
  2. Lavate e tagliate la rucola e  preparate le scaglie di grana in anticipo. Passati i 20 minuti di cottura, mettere la carne su un tagliere e tagliate a fettine larghe circa 5 millimetri;
  3. Condite con un pizzico di sale grosso e pepe macinato al momento, distribuite sopra la carne le scaglie di parmigiano, la rucola e infine aggiungete un giro di olio extravergine d’oliva. Servite subito.

Cottura

Seguimi su facebook

 

Pepite di carni bianche con ragù di marroni e champignon in riduzione di salsa di curcuma

  • Porzioni: 2
  • Difficoltà: bassa
  • Stampa

Carissimi lettori, questa ricetta mi piace moltissimo e mi entusiasma, perchè risulta molto appetitosa. Le carni bianche delicate che si sposano con il sapore dei funghi champignon, il gusto delicato dei marroni, il tutto amalgamato con l'intinto di salsa alla curcuma... slurp! Spero di aver stuzzicato il vostro palato, mi farebbe veramente piacere ricevere i vostri commenti in merito 😊

Aggiungi quì eventuali note.

Ingredienti

  • 500 gr. di macinato carni bianche, rigorosamente biologiche, suddivise in parti uguali (vitello, pollo e suino);
  • 1 cucchiaio di purea di zucca + 1 cucchiaio di purea di patata cotta al vapore oppure un uovo intero;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 8 cucchiai di olio extravergine aromatizzato all’aglio.
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco;
  • Pane grattugiato fine q.b.
  • 4 Funghi champignon di medie dimensiomi tagliati a julienne ;
  • 1cucchiaio da tavola di Curcuma in polvere;
  • Prezzemolo tritato q.b;
  • 12 marroni lessati in acqua oleata per 30 minuti, pelati e tritati grossolanamente;
  • 1 mestolino d’acqua o brodo vegetale;
  • 1/2 cucchiaio di cipolla di Tropea tritata.

Istruzioni

  1. Lavate e tagliate i funghi a julienne, soffriggeteli con 2 cucchiai di olio extravergine aromatizzato all’aglio, fate asciugare il liquido rilasciato dai funghi e bagnate con metà del vino bianco fino a che sarà evaporato, aggiungere un pizzico di prezzemolo tritato e togliere dal fuoco;
  2. Amalgamare in una ciotola il macinato di carni con 1 cucchiaio di olio all’aglio, sale, pepe, la purea di zucca e patata. Formare con le mani delle pepite e passarle nel pane grattugiato facendolo aderire leggermente alla superficie;
  3. In un soutè, scaldare 3 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio e friggere le pepite di carne fino a che saranno ben dorate da ambo i lati. Togliere le pepite di carne, riponetele in un piatto e fatele raffreddare;
  4. Gettate il fondo di cottura delle pepite, unite nello stesso tegame il rimanente olio all’aglio, scaldatelo bene e soffrigete la cipolla tritata, unite i marroni tritati, fateli insaporire per qualche minuto e unite il rimanente vino bianco. Fate evaporare, unite i funghi trifolati, la curcuma, 1 mestolino di brodo vegetale, amalgamate il tutto, unite le pepite al sugo, girandole almeno una volta per parte. Fate insaporire il tutto facendo ridurre la salsa fino a che risulterà leggermente densa e regolate di sale e pepe;
  5. Versate, aiutandovi con un ciucchiaio, metà del sugo su un piatto di servizio, appoggiatevi sopra le pepite calde e guarnite con prezzemolo tritato.

Seguimi su facebook

Composizione di filetto di scottona con porri all’orientale

Ciao a tutti,

propongo una versione alternativa di filetto di scottona cotto intero, tagliato e farcito a strati con porri e aromatizzato al curry. Un accostamento delicato dei porri insaporiti col particolare aroma del curry che, associato alla carne, creerà un contrasto piacevole, permettendo di gustare i tre ingredienti e il loro sapore specifico, senza coprirne i gusti tra loro. La definirei una trilogia di sapori speciale.

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 filetto da 150 gr. cadauno;
  • 1 porro medio;
  • Sale q.b.;
  • 2 cucchiaini da caffè di curry;
  • 2 cucchiai di olio extravergine aromatizzato all’aglio;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva;
  • Farina bianca q.b.
  • Brodo vegetale q.b.

Procedimento:

Tagliate le foglie in eccesso e la parte delle radici del porro, tagliatelo a metà in verticale e successivamente a julienne, lavatelo elimando i residui terrosi e fatelo scolare. Scaldate l’olio all’aglio in una casseruola, unite i porri e stufateli portandoli a cottura unendo, di tanto in tanto, il brodo vegetale poco alla volta. In un altra casseruola scaldare 1 cucchiaio di olio di oliva e scottate il filetto, precedentemente infarinato, fino a che sarà ben rosolato da ambo i lati. Toglietelo dal fuoco e riponetelo in un piatto caldo, coperto con un coperchio, in modo che il vapore che vi si crea, lo mantenga morbido e caldo. Buttate il fondo di cottura e, utilizzando la stessa casseruola, mettete sul fuoco medio i porri cotti, unite il curry, mescolate e stemperare il tutto, unite i filetti e insaporiteli per qualche minuto. Togliete i filetti, tagliateli in orizzontale ricavando tre fette. Disponete su un piatto di servizio una fetta di filetto e un cucchiaio di porri continuando così fino a 3 strati. Guarnire sul fianco della composizione con un cucchiaio di salsa ai porri e curry e servire caldo.

Seguimi su facebook

 

Bocconcini di pollo e sedano con riduzione di salsa curcuma

La carne di pollo appartiene a uno dei cibi di origine animale più magri e salutari. È un prodotto a contenuto lipidico medio basso e il suo costo è  accessibile a tutti. Il contenuto di grassi è  variabile a seconda del tipo di taglio, alla lavorazione, al metodo di allevamento, all’età, al sesso e alle caratteristiche soggettive dell’organismo in questione. La carne di pollo è  classificata tra le carni bianche, il colore della carne dipende dalla quantità di mioglobina ossidata e, non è detto, che le carni bianche siano necessariamente più magre delle rosse. Anche se il pollo è una carne bianca magra, non dimentichiamo che, tra gli altri prodotti aviari, ce ne sono alcuni con maggiore prevalenza lipidica, come il cappone. In effetti, le proteine del pollo possiedono tutti gli amminoacidi essenziali come le altre proteine animali e, in quantità più che soddisfacente. Va precisato che la carne di pollo ha un costo accessibile a tutti. Cosa c’è  di meglio di una ricetta semplice a base di carne bianca accompagnata al curcuma?

Ingredienti per 2 persone:

  • 300 gr. petto di pollo tagliato a cubetti;
  • 1 cucchiaio da tavola scarso di curcuma in polvere;
  • 3 cucchiai di Olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio ;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco;
  • Farina tipo 00 q.b.
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 1 costa di sedano media tagliata a pezzetti;
  • Un mestolo di brodo vegetale o acqua.

Procedimento:

Tagliate a cubetti il petto di pollo e infarinateli, scuoteteli bene dalla farina in eccesso e rosolateli in una casseruola con l’olio all’ aglio, sale e pepe fino a che non saranno dorati. Unite il sedano tagliato e fate insaporire per qualche minuto, bagnate con vino bianco, fate evaporare e riponete il pollo in un piatto, tenenolo coperto per restare caldo. Unite al fondo di cottura la curcuma con un mestolino di brodo vegetale, il sale e fate bollire fino a che la salsa sarà leggermente addensata ( riduzione) , mescolando continuamente con un cucchiaio. Mettere sulla base di un piatto 2 cucchiai di salsa curcuma, unite sopra la salsa i cubetti di pollo con il sedano e servite caldi. A piacere potete accompagnare questa ricetta con contorno di riso pilaf.

Seguimi su facebook

 

 

Nido di bigoli caserecci con ragù d’anatra e trito di castagne

Un buongiorno a tutti voi e un caloroso benvenuto nel mio blog per leggere un altra ricetta sfiziosa, almeno secondo me! Si tratta di un piatto molto ricercato e rinomato, disponibile in diversi ristoranti. Dalle mie parti, vengono proposte ricette di un tempo, con pasta fatta a mano, insaporita con aromi naturali e con carne tagliata manualmente. Come già spiegato in altre occasioni, l’utilizzo di elettrodomestici per il taglio, causa l’alterazione del sapore della carne per surriscaldamento. Per scelta, preferisco carni bio da allevamenti a terra, questo vale anche per le uova, prodotte da galline libere e non allevate in gabbia. Il sapore decisivo del ragù che prepareremo, è senza dubbio legato al fondo di cottura, ricco di fresche verdure bio, selezionate in modo preciso e curato, ed erbe aromatiche. Il miglior taglio di carne che consiglio per questa ricetta è il petto dell’anatra, per la sua tenerezza. È possibile impiegare altre parti dell’anatra, unendo un 50% di petto ad un 50% di altri tagli. Come pasta, scelgo i bigoli perché, a mio avviso, si sposano meglio.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di bigoli all’uovo;
  • 1/2 petto d’anatra tagliato a metà privato della pelle;
  • 1 carota;
  • 1/2 costa di sedano;
  • 1/4 di cipolla media;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco;
  • 2 foglie di salvia;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 20 castagne bollite in acqua per 30 minuti con un filo d’olio extravergine;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 1 o 2 mestolini di brodo vegetale q.b.

Procedimento:

Lessate in acqua le castagne, sbucciatele e tritatele a mano non troppo finemente; (considerate una castagna a testa tritata da unire sulla superficie dei bigoli, come decorazione, quando saranno serviti nel piatto). In una casseruola fate rosolare, con l’olio d’oliva, sedano carote e cipolla tagliate a dadini fini (brunoise). Quando saranno coloriti, unite il petto d’anatra intero, salate, pepate, e rosolatelo da ambedue i lati fino a che sarà ben colorito. Bagnate con il vino bianco e fate evaporare. Coprite con un coperchio e cuocete per circa 10 minuti a fuoco lento girandolo almeno 1 volta, dopo i primi 5 minuti di cottura. Togliete il coperchio e bagnate con 1 mestolino di brodo vegetale. Infornate a 200° coprendo con un foglio di stagnola e cuocete per circa 20/25 minuti, bagnando il petto di tanto in tanto con il proprio fondo di cottura, raccogliendo il sugo dal fondo della casseruola con un cucchiaio, cospargendolo sopra più  volte. Girate la carne almeno 1 volta per parte. Se il fondo di cottura dovesse asciugare troppo, unite un altro mestolino di brodo vegetale. Quando il petto sarà cotto, toglietelo dal forno e dalla casseruola. Fatelo raffreddare e tagliatelo a brunoise. Eliminate le foglie di salvia. Unite la carne al fondo di cottura e le castagne tritate, amalgamare il tutto su fiamma bassa e mescolare con un cucchiaio per circa 5 minuti. Spegnete la fiamma e travasate il ragù in un soutè per poi saltarlo con la pasta. Cuocete al dente i bigoli in abbondante acqua salata, scolateli e uniteli al sugo con un mestolino d’acqua di cottura dei bigoli e un cucchiaio d’olio extravergine. Accendete la fiamma, saltate la pasta con il  ragù e servite caldo, con una spolverata di castagne tritate in superficie.

Seguimi su facebook

Filetto di scottona con finferli su costone di pane integrale croccante

Ciao,

parliamo di carne rossa. Le speci di animali che appartengono a questa categoria sono: Manzo o Vitellone, Sorana, Scottona, Bue, Fassone e Sanato. Ci sono altri animali che sono classificati nella carne rossa, ad es. cavallo, ovini e caprini, ma oggi parliamo del manzo. La scottona ha una carne giovane e magra, molto pregiata per la sua morbidezza, caratterizzata da tessuti maturi e gustosi non sottoposti a sforzi. Il fassone è  il manzo piemontese, il suo nome deriva dal francese façon che significa “modo”, denominazione utilizzata per i bovini con masse muscolari ipertrofiche. La carne rossa, per assaporarla nelle sue caratteristiche, è consigliabile cuocerla poco, al sangue (rossa internamente) o media cottura (rosata al suo interno), come ci viene chiesto al ristorante, quando ordiniamo un filetto o una costata. Per eseguire queste cotture, la fiamma non dev’essere troppo alta perché si corre il rischio di bruciare la carne esternamente. La carne rossa ben cotta diventa dura e perderebbe tutte le sue caratteristiche. Io la preferisco al sangue.La carne rossa, indicativamente, contiene 143 calorie per 100 grammi, tra i grassi troviamo: acidi grassi saturi, polinsaturi e monoinsaturi, colesterolo, sodio, potassio, proteine, vitamina D, B6, B12, calcio, ferro e magnesio.

Ingredienti per 2 persone:

  • 200 gr. di filetto per persona tagliato almeno 5 cm. di altezza;
  • 6 cucchiai di finferli  trifolati;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Prezzemolo tritato quanto basta;
  • 1/2 pane arabo integrale tagliato orrizontale a metà;
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine di oliva;
  • 1 cucchiaio d’Olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio ;
  • 1/4 di bicchiere di vino bianco secco per trifolare i funghi.

Procedimento:

Per trifolare i funghi seguite il procedimento descritto per la ricetta del risotto con i finferli. In una casseruola con bordi bassi scaldate l’olio extravergine, nel frattempo infarinate leggermente i filetti, scuotendoli dalla farina in eccesso. La farina serve per ammorbidire la carne e per aiutare il sugo di funghi a diventare cremoso. Mettete a rosolare nell’olio la carne, cuocete da ambo i lati fino a che formeranno una crosticina brunita, salate e pepate solo dopo aver concluso tale procedimento. Togliete la carne dalla casseruola e riponetela in un piatto caldo coprendo con un coperchio per mantenere i filetti mobili e caldi. Buttate metà del fondo di cottura della carne, unite un filo d’olio d’oliva crudo, unite  i funghi trifolati, scaldate bene. Aggiungere il prezzemolo tritato e un cucchiaio d’acqua calda, se serve, infine i filetti per farli insaporire con i funghi mantenedo la fiamma d’intensità medio bassa. Scaldare il crostone di pane nel forno a microonde con funzione grill fino a che non sarà dorato e croccante. Mettere il crostone di pane al centro di un piatto caldo, posizionate sul pane il filetto, addensate leggemente il sugo di finferli e versateli sopra la carne aiutandovi con un cucchiaio da tavola. Decorate a piacere con prezzemolo tritato e servite ben caldo.

Seguimi su facebook

 

20171020_200900