Barchette di melanzane con ripieno vegetariano al profumo d’estate

Come sappiamo, le melanzane sono ortaggi utilizzabili in moltissime preparazioni: sughi per paste o risotti, contorni cotti e anche secondi piatti. Il contorno cotto più diffuso sono le melanzane al funghetto oppure in tegame con l’aggiunta di pomodorini freschi, seguono le famosissime melanzane alla parmigiana, realizzate rigorosamente con parmigiano e non con mozzarella come spesso suggerito, ahimè, su riviste o nei menù di ristoranti. In aggiunta, per quest’ultima preparazione, le fette di melanzane dovranno essere fritte, non grigliate o cotte a vapore. Come precedentemente menzionato, le melanzane possono essere utilizzate per sughi composti da verdure, pesci o carni per condire paste o risotti e possono essere aggiunte anche alle altre verdure per la preparazioni di passati di verdura o minestrone. In questo post, lascio il video per la realizzazione della ricetta, oltre allo scritto.

Ingredienti per 4 melanzane qualità lunga di media grandezza:

  • 4 melanzane tagliate a metà;
  • 7/8 cucchiai di pangrattato fine;
  • 3 cucchiai di olio aromatizzato all’aglio;
  • 8 pomodorini datterino tagliati a pezzetti finissimi;
  • 1 cucchiaio di basilico fresco tritato;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 filo d’olio extravergine d’oliva per melanzana;
  • Acqua q.b.

Procedimento:

Con l’aiuto di un cucchiaio da tavola estrarre la polpa delle melanzane lasciando circa 5 mm di bordo intorno alle melanzane, precedentemente tagliate a metà. Tagliate a cubetti finissimi la polpa estratta e passate in tegame per 5 minuti con olio all’aglio, salate e pepate. Fate raffreddare e riponete in un contenitore di vetro, unite i pomodorini, il basilico, 7 cucchiai di pangrattato, mescolate amalgamando il tutto con l’aiuto di un cucchiaio e regolate di sale e pepe. Stendete le melanzane su una placca da forno, precedentemente rivestita di carta oleata, mettete sul fondo di ogni melanzana un pizzico di sale. Riempite le barchette di melanzane con il composto precedentemente preparato, distribuite sulla loro superficie l ‘ultimo cucchiaio di pangrattato avanzato e unite un filo d’olio extravergine in modo casuale. Infornate a 200° con funzione ventilata per circa 50 minuti facendo attenzione di bagnare di tanto in tanto tutta la loro superficie con qualche goccio d’acqua per mantenerle morbide durante la cottura, evitando che possano seccare. Servite su un piatto guarendo con insalata fresca tagliata a julienne e pomodori tagliati a rondelle.

Variante:

Possiamo cuocere a vapore le mezze melanzane, private della loro polpa, portandole a 3/4 di cottura per ammorbidirle e ridurre la cottura in forno prima della farcitura. In questo caso, non bagnare durante la cottura.

Seguimi su Facebook  puoi vedere il video

 

 

Crostoni di pane arabo integrale con Crescenza, fave, gamberetti profumati con origano e peperoncino dolce

Una ricetta sublime! Veloce, fresca, con ingredienti nutrienti pronta in 10 minuti! Possiamo servire questi crostoni come antipasto o piatto unico.

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 panini tipo arabo integrali;
  • 150 gr. fave fresche;
  • 100 gr. gamberetti in salamoia;
  • 100 gr. crescenza;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio;
  • 1 spruzzata di vino bianco secco;
  • Acqua di cottura delle fave q.b.;
  • Sale;
  • Un pizzico di origano e peperoncino dolce;
  • Un filo di olio evo crudo.

Procedimento:

Togliete le fave dai baccelli e sbianchitele in acqua leggermente salata, conservando il liquido di cottura. Tagliate le fave a pezzetti. Scaldate in un tegame l’olio aromatizzato all’aglio, unite le fave, il sale, l’origano,  fate insaporire per qualche minuto, spruzzate leggermente con il vino e fate evaporare. Unite i gamberetti, precedentemente strizzati, il peperoncino dolce, un mestolo di liquido di cottura delle fave e fate evaporare quasi completamente. Regolate di sale. Tagliate il pane a metà in modo orrizontale, scaldaelo in forno a microonde in modalità grill per alcuni minuti, spalmate il pane con la Crescenza, unite il composto di fave e gamberetti, un filo d’olio evo crudo e servite guarnendo il piatto con dell’insalata tagliata a julienne.

Seguimi su Facebook

 

Il cestino per il pranzo

Ciao amici del mio blog!
Oggi realizzo una soluzione per tutte le persone che non possono pranzare a casa.
“Il cestino per il pranzo”!
Un pasto unico e completo che offre carboidrati, grassi e proteine vegetali.
Si prepara in anticipo e conserva in frigo, da portare in ufficio e consumare a temperatura ambiente oppure scaldare in microonde per 1 minuto. Vi confesso che consumato appena fatto, è tutta un’altra cosa, ma anche riscaldato è ottimo.
Si tratta di un cestino di pasta brisè alle verdure con crema di crescenza; tre cestini da circa 5 cm di diametro possono essere adatti per un pranzo veloce da consumare in qualsiasi luogo. Realizziamolo assieme!

Ingredienti per circa 6 cestini diametro 5/6 cm.

  • 3 cucchiai di piselli freschi lessati;
  • 3 cucchiai di carota lessata tagliata a dadini;
  • 3 cucchiai di patata lessata tagliata a dadini;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • 1 cucchiaio di olio evo crudo;
  • 1 rotolo di pasta brisè;
  • 100 gr.  di crescenza;
  • 1 cucchiaino da caffè di pangrattato.

Procedimento:

Lessate i piselli al dente in acqua salata, scolateli e lasciateli raffreddare. Eseguite lo stesso procedimento anche per carote e patate, precedentemente tagliate a dadini. In una ciotola, stemperare la Crescenza con un cucchiaio, unite le verdure, sale, pepe e un cucchiaio di olio evo, lavorate delicatamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Foderate gli stampini con pasta brisè lasciando i lembi leggermente più alti del bordo, inserite negli stampini il composto di verdure e formaggio fino ad esaurimento. Unite sulla superficie dei cestini il cucchiaino di pangrattato dividendolo per tutti i cestini, unite una goccia di olio evo, infornate a 200° con funzione ventilata fino a che la pasta avrà preso colore. Togliete dal forno e con l’aiuto di una spatola, togliete i cestini dagli stampini e posateli su un piatto. Servite immediatamente. In caso di asporto, fateli raffreddare e riponeteli in frigo. Portateli al lavoro in un contenitore di vetro e scaldatelo 2 minuti in microonde prima di consumare oppure lasciateli a temperatura ambiente.

Seguimi su Facebook

20180519_125859

Piramidi di quinoa con fantasia di verdure

La quinoa è  un vegetale e la varietà più diffusa e coltivata è  la Real. È una pianta erbacea che fruttifica piccoli semi assomiglianti al miglio, utilizzati per scopo alimentare. La quinoa ha caratteristiche nutrizionali simili al riso, orzo, avena, frumento e mais, ma non fa parte dei cereali. I semi di quinoa contengono un’alta concentrazione di amido, una buona quantità di proteine, fibre, alcuni sali minerali (calcio, fosforo e ferro), vitamine e sono privi di glutine. La quinoa è  ricca di fibre alimentari che favoriscono il buon funzionamento dell’intestino. Contiene una buona quantità di magnesio, fosforo, calcio e ferro. L’apporto calorico complessivo è paragonabile a quello dei cereali e, come quest’ultimi, deriva principalmente dall’abbondante concentrazione di carboidrati complessi. La quinoa si presta alla preparazione di diverse ricette, può  essere utilizzata fredda come insalata oppure calda con diversi sughi. Io la propongo con un sugo di verdure.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di quinoa biologica;
  • 600 ml. di brodo vegetale o acqua;
  • Sale grosso q.b.;
  •  5 cucchiai di olio extravergine d’oliva q.b.;
  • 1 pepeone rosso e 1 giallo tagliati a pezzetti;
  • 1 scalogno tagliato a julienne;
  • Sale, peperoncino q.b.
  • 2 patate medie tagliate a cubetti;
  • 15 pomodorini datterino o Cirio tagliati a metà;
  • 1 carota media tagliata a pezzetti;
  • 1 gamba di sedano tagliata a pezzetti;
  • Prezzemolo q.b. per guarnire.

Procedimento per il sugo di verdure:

Tagliate a metà i peperoni, privateli del manico, dei semi e tagliateli a pezzetti. In una casseruola scaldate l’olio d’oliva, unite lo scalogno, il sedano, le carote, i peperoni, i pomodorini e le patate tagliate. Salate e unite il peperoncino a scaglie o in polvere. Mescolate a fiamma dolce, unite brodo vegetale poco alla volta fino a che il composto risulterà cotto al dente e leggermente morbido. Fate riposare per alcune ore.

Procedimento per la cottura della quinoa:

Mettete a bollire il brodo con il sale grosso, unite la quinoa è cuocete a fuoco vivo per circa 10 minuti, spegnete il fuoco e coprite per 5 minuti. Sgranate la quinoa con una forchetta e unite 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva crudo, mescolate per amalgamare. Prendete degli stampini circolari di diametro circa di 5/6 cm, riempiteli con quinoa caldo, pressate con un cucchiaio e capovolgeteli su un piatto da servizio formando delle piramidi senza punta. Accompagnate con il sugo di verdure caldo spolverando con prezzemolo tritato.

Seguimi su Facebook

Fontana di farro con caponata di verdure

In collaborazione con Paola, che propone questa favolosa ricetta con il farro,

copertina

Io propongo questa versione.

Il farro è un vegetale, più precisamente un cereale, contiene amido, fibre, magnesio, potassio e alcune vitamine del gruppo B. È un alimento, come il grano, che contiene glutine e non si presta all’alimentazione delle persone celiache. Il farro lo troviamo in commercio sotto forma di semi, farine integrali o raffinate e si presta alla preparazione di zuppe. Apporta più acqua e meno carboidrati rispetto alla pasta ed è ricco di fibre. Vediamo insieme come preparare questa ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di farro decorticato (non ha bisogno di ammollo);
  • Acqua o brodo vegetale (una volta e mezza la quantità del farro misurata in un contenitore);
  • Sale grosso q.b.;
  • 2 cucchiai di olio d’oliva extravergine.

Ingredienti per la caponata:

  • 1 pepeone rosso e 1 giallo;
  • 1 scalogno tagliato a julienne;
  • Sale, peperoncino q.b.
  • 2 patate medie cotte a vapore;
  • 15 pomodorini datterino o Cirio tagliati a pezzetti;
  • 1 carota media tagliata a pezzetti;
  • 1 gamba di sedano tagliata a pezzetti;
  • 3 cucchiai di olio d’oliva extravergine.

Procedimento:

Tagliate a metà i peperoni, privateli del manico, dei semi e tagliateli a pezzetti. In una casseruola scaldate l’olio d’oliva, unite lo scalogno, il sedano, le carote, i peperoni e i pomodorini. Salate e unite il peperoncino a scaglie o in polvere. Mescolate a fiamma dolce, unite brodo vegetale poco alla volta fino a che il composto risulterà cotto, infine unite le patate cotte al vapore private della buccia e tagliate a cubetti. Fate riposare per alcune ore. Procedete alla cottura del farro come descritto nella ricetta Riso alla pilota. Se dopo tale cottura l’acqua o brodo vegetale non sarà ancora evaporato completamente, cuocete sulla fiamma dolce fino a che il liquido sarà completamente evaporato. Spegnete la fiamma e incorporate un cucchiaio di olio crudo. Disponete il farro in una terrina creando un foro al centro in cui riporre la caponata calda e servire.

Seguimi su Facebook

Mozzarella di bufala biologica su crostone di pane tostato, salsa pomodoro fresco, barba di finocchio profumata con origano

Così inizia una ricetta con alimenti da riciclare, mozzarella a parte! Pane arabo raffermo, barba ed estremità del finocchio da recuperare, un pò di salsa pomodoro fresco avanzata in frigo e un pizzico di origano. Ecco già una ricetta con i fiocchi!

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 panini qualità arabo integrali raffermi o altri tipi di pane avanzato;
  • 2 cucchiai di Salsa al pomodoro fresco;
  • 200 gr. Mozzarella di bufala rigorosamente biologica;
  • Sale, pepe macinato al momento;
  • Origano q.b.;
  • Un filo di olio d’oliva extravergine aromatizzato all’aglio q.b;
  • La barba di finocchio con le estremità tagliate a julienne di 2 finocchi;
  • Acqua o brodo vegetale q.b.;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio.

Procedimento:

Tagliate la mozzarella a metà orizzontalmente e successivamente in 8 fette, dopo averla scolata dal suo liquido di conservazione. Tagliate la barba, con le estremità del finocchio a julienne, insaporite con olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio per qualche minuto, salate e pepate, portate a cottura stufando con l’aggiunta di brodo vegetale o acqua q.b. Scaldate la salsa di pomodoro fresco. Tagliate il pane arabo a metà in senso orizzontale, scaldate in microonde in modalità grill o su una piastra in ghisa. Riporre le fette di pane su un piatto, unite un filo di olio extravergine d’oliva aromatizzato all’aglio in modo casuale, versate su ogni crostone di pane un cucchiaio da tavola di salsa al pomodoro, adagiate 4 fette di mozzarella su ogni fetta di pane, sopra di essa un cucchiaio di barba di finocchio, pepe macinato al momento e finite il codimento con un pizzico di origano su ogni crostone. Servite caldo.

Seguimi su Facebook

20180317_201223

Spezzatino di vitello con piselli servito su fontana di polenta morbida

Carissimi amici amanti della buona cucina,

Vorrei parlarvi un pò della carne di vitello considerata una carne rosata magra ovvero con quantità di lipidi inferiore al 5% per 100 gr. di prodotto. Le carni considerate grasse, superano questa percentuale fino al massimo di un 40% per 100 gr. di carne. Questa carne giovane è considerata molto digeribile grazie alla sua quantità elevata di acqua pari a 72,84 gr. per 100 gr. di carne, seguono le proteine 19,80 gr. e il basso contenuto di lipidi 6,7 gr. di cui 2,57 gr. monoinsaturi, 0,48 gr. polinsaturi e 2,79 gr. di grassi saturi e 82 mg. di colesterolo. Come sempre, si deve fare attenzione al tempo di cottura. La carne di vitello è molto delicata e deve essere cotta poco, quindi risultare rosata a fine cottura, se cotta troppo potrebbe perdere tutta l’acqua contenuta e risultare troppo dura. Questo tipo di carne può  essere utilizzata per spezzatini, scaloppine, piccatine, arrosti e griglia. Una ricetta molto diffusa è il vitello tonnato, piatto che non apprezzo, oltretutto spesso proposto con carne di maiale perché più economica. I tagli di carne utilizzati per questa ricetta sono:

  • Fusello o girello di spalla;
  • Pancia;
  • Pesce: taglio più  pregiato ricavato dalla coscia molto adatto per la cottura in umido.

La-carne-di-vitello-e-le-sue-proprietà-02.jpeg

Ingredienti per 2 persone:

  • 400 gr. di polpa di vitello tagliato a pezzetti;
  • 1 cucchiaio di cipolla bianca, 1 cucchiaio di carote e 1cucchiaio di sedano, il tutto tagliato a brunoise;
  • Farina bianca q.b.;
  • Sale, pepe macinato al momento q.b.;
  • 1 foglia di alloro, 1 rametto di rosmarino e 2 foglie di salvia;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco;
  • 250 gr. di piselli freschi o surgelati;
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva;
  • Brodo vegetale;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco.

Procedimento:

In una casseruola soffriggete le verdure con l’olio d’oliva, unire la carne di vitello tagliata a cubetti precedentemente infarinata  eliminando la farina in eccesso. Salate, pepate e fate insaporire con le verdure. Rosolate la carne fino a che sarà leggermente dorata, bagnatela con il vino bianco, facendolo evaporare. Unite le erbe aromatiche e cuocete a fuoco medio basso unendo brodo vegetale poco alla volta. A 3/4 di cottura della carne, unite i piselli precedentemente lessati al dente in acqua bollente salata. Portate la carne a cottura facendo ridurre il liquido e servite con polenta calda.

Seguimi su facebook