Articolo di Altroconsumo


Buonasera a tutti gentili amici😊!
Oggi ho il piacere di riportare un articolo di Altroconsumo che riguarda il tonno🐟, io sono rimasto molto colpito anche se ero già informato su alcune notizie😊.
Nella speranza sia di vostro gradimento vi auguro una buona serata.
👇👇👇
Tra gli alimenti più acquistati nell’ultimo periodo, salta agli occhi il consumo dei cibi in scatola. Probabilmente la ragione sta nel fatto che sono a lunga conservazione, e che consentono di fare una riserva di cibo che non scade a breve. Tra questi alimenti in scatola, quello più amato è sempre il tonno.
Preparare il tonno in scatola è tra le attività più antiche dell’industria italiana e di tutto il Mediterraneo, fiorente soprattutto nelle località adiacenti al mare, come ad esempio Sicilia e Sardegna. Già dal XVIII° secolo si era sviluppata tra la Liguria e la Sardegna una collaborazione che consisteva nell’invio da Genova di barili contenenti olio verso la Sardegna, che poi tornavano pieni di tonno. Da allora di strada se n’è fatta tanta, e oggi il nostro tonno, di varietà rossa, purtroppo parte verso il Giappone, dove viene lavorato per fare il Sushi e il Sashimi. Sono rarissime le marche di tonno che utilizzano il pesce italiano, le trovate in fondo a quest’articolo.

Il tonno che troviamo al supermercato proviene invece da Indonesia, Filippine, Papua Nuova Guinea e Australia. La lavorazione avviene prevalentemente a bordo delle navi, dove il pesce viene subito refrigerato e poi congelato. Una volta tornato a terra, viene decongelato e rapidamente inscatolato con un processo di massima sicurezza.
Altroconsumo ha svolto un’indagine su 24 marchi di tonno per verificare alcune caratteristiche, tra le quali:

• la qualità del pesce (il tipo di olio usato per smascherare eventuali frodi)

• le caratteristiche organolettiche (contenuto di sale e il DNA del tonno, per risalire alla specie)

• la sicurezza al consumo (freschezza della materia prima, presenza di metalli pesanti come mercurio e cadmio, presenza di difetti e di corpi estranei come le lische o residui di pelle e squame)

• la completezza delle etichette (informazioni obbligatorie per legge e quelle facoltative, come la zona e il metodo di pesca).

Inoltre, il prodotto è stato sottoposto a due prove di assaggio, da parte degli esperti e da parte dei consumatori. Il miglior tonno secondo l’indagine di Altroconsumo è risultato As do Mar, nel tipo trancio intero con un prezzo medio di 5,39 € a confezione.
Al secondo posto troviamo Selex, tonno all’olio d’oliva con un buon punteggio e ad un costo medio di 2,55 € a confezione. Quindi, quest’ultimo risulta il miglior prodotto qualità/prezzo. Il resto della classifica si divide in punteggi che vanno da “buoni” a “medi” o “sufficienti”.
Tonni con buona valutazione

• As do Mar trancio intero (Prezzo medio di 5,39 €)

• As do Mar all’olio d’oliva (Prezzo medio 4,13 €)

• Selex all’olio di oliva (Prezzo medio 2,55 €)

• Callipo all’olio di oliva (Prezzo medio 4,10 €)

• Fratelli Carli all’olio di oliva (Prezzo medio 3,40 €)

• Rio Mare all’olio di oliva pescato a canna (Prezzo medio 5,00 € )

• Consorcio in olio di oliva (Prezzo medio 7,40 € )

• Conad Piacersi leggero in una goccia di olio di oliva (Prezzo medio 3,71 €)

• Nostromo all’olio di oliva (Prezzo medio 3,20 €)

• Angelo Parodi in olio di oliva (Prezzo medio 4,25 €)

• Rio Mare all’olio di oliva (Prezzo medio: 4,92 €)

• Nostromo basso in sale all’olio evo (Prezzo medio 3,45 €)

Tonni con valutazione nella media – sufficiente

• Nixe di Lidl (Prezzo medio 1,99 €)

• Mareblu Leggero (Prezzo medio 2,82 €)

• Mareblu Vero sapore (Prezzo medio 3,93 €)

• Carrefour a pinne gialle (Prezzo medio 3,17 €)

• Pescantina all’olio evo (Prezzo medio 4,30 €)

• Maruzzella in olio di oliva – maggiore contenuto di mercurio (Prezzo medio3,24 €)

• Athena di Eurospin (Prezzo medio 0,69 €)

Bisogna prestare particolare attenzione al contenuto di mercurio presente nel tonno, un metallo pesante tossico per il sistema nervoso, pericoloso soprattutto per le donne in gravidanza e bambini. Tutte le scatolette analizzate rientrano nei limiti di legge (1 mg/kg), anche se tre ci si avvicinano. Il maggiore contenuto di mercurio è stato trovato nel tonno Maruzzella in olio di oliva. Un altro problema è il sale aggiunto in grandi quantità in tutti i prodotti, tranne in quelli con la dicitura “a basso contenuto di sale” o “bassi in sale”.
In ogni caso, le linee guida per una sana e corretta alimentazione raccomandano di consumare al massimo una porzione da 50 grammi di tonno sgocciolato a settimana, perché si tratta comunque di un prodotto trasformato.
Sul web sono presenti tante informazioni, ma una buona ricerca può aiutare a trovare informazioni interessanti. In questa classifica sono forniti dettagli molto utili sulle varietà di tonno inserite in classifica.

• Callipo tonno italiano in olio di oliva: è un tonno pinna gialla pescato nel Mediterraneo e confezionato a Vibo Valentia, in Calabria. Viene lavorato il giorno stesso della pesca e stagionato in olio per un anno.

• Il Viaggiator Goloso in olio di oliva: garantisce la pesca del tonno senza danneggiare i delfini, ha il marchio Cee e indica la zona di pesca negli oceani Atlantico, Pacifico ed Indiano. Seleziona il prodotto di prima scelta e viene lavorato in Sicilia.

• Tarantello di Tonno rosso di Carloforte: questa ditta inscatola solo pesce locale del Mar di Sardegna. Lavora il pesce nel giorno stesso della pesca e seleziona i migliori tranci del basso addome del tonno.

• Donzela tonno in olio di semi: quest’azienda preferisce utilizzare la propria flotta per pescare il tonno nei periodi e nelle località in cui esso è più presente. Fornisce ottimi valori nutrizionali, ma è contenuto nel costo.

• Mareblu all’olio di oliva: utilizza la varietà pinne gialle e lavora il pesce direttamente sul luogo di pesca. Sapore delicato e carni compatte.

Secondo Greenpeace l’unico prodotto promosso è il tonno As do Mar, ed ha fatto questa valutazione tenendo conto della sostenibilità ecologica del metodo di pesca, e delle informazioni fornite ai consumatori in etichetta.

2 Replies to “Articolo di Altroconsumo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: